Prada Cup, American Magic svela l’arma segreta per battere Luna Rossa. Goodison: “Trovata la chiave decisiva”

American Magic è convinta di avere trovare il modo per battere Luna Rossa nella semifinale della Prada Cup. Gli statunitensi, tornati in acqua oggi dopo aver lavorato dieci giorni per riparare lo scafo dopo la scuffia subita nel round robin, sono particolarmente agguerriti e più motivati che mai. La sfida incomincerà venerdì 29 gennaio, ad accedere all’atto conclusivo sarà chi vincerà quattro regate (se ne disputeranno due al giorno per tutto il weekend, l’eventuale gara-7 è prevista per martedì 2 febbraio).

L’equipaggio a stelle e strisce è sicuro di giocarsela alla pari con gli italiani e ha già dichiarato qual è l’arma segreta per fronteggiare James Spithill e compagni (ormai segreta non lo è più). A parlarne è stato Paul Goodison, il trimmer randa del sodalizio battente bandiera del New York Yacht Club, in un’intervista concessa alla testata neozelandese NZ Herald: “Saranno regate particolarmente serrate. Abbiamo visto che se si riesce a partire bene e si rimane davanti allora è davvero difficile superare. Abbiamo visto una gara incredibile con Ineos sabato con diversi cambi al vertice, ma penso che se si riesce a partire davanti e non si commettono errori, allora sarà davvero difficile passare per gli avversari. E’ questa l’arma segreta per vincere“.

Paul Goodison, Campione Olimpico nel Laser a Pechino 2008, ha poi proseguito: “Penso che l’obiettivo principale sia la partenza, dobbiamo essere molto più bravi e uscire puliti: se riusciamo a passare davanti allora possiamo conservare la posizione“. Il 43enne britannico, uno degli uomini più importanti a bordo di American Magic insieme al timoniere Dean Barker, è molto ottimista: “Se riusciamo a navigare come abbiamo quasi sempre fatto, allora tutto è possibile. Siamo tutti fiduciosi e crediamo di potercela fare. La barca va molto bene e ringrazio tutti quelli che ci hanno aiutato“.

Foto: Luna Rossa Press

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo, Wilco Kelderman torna a pedalare senza tutore al collo

Biathlon, Monika Hojnisz vince la 15km individuale degli Europei a Duszniki Zdroj, lontane le azzurre