Pattinaggio artistico, Massimiliano Ambesi sulla chiamata “no level” di Hanyu: “Non è stato rispettato il regolamento”

In occasione dei Campionati Nazionali Giapponesi di pattinaggio di figura, andati in scena alla Big Hat Arena di Nagano dal 23 al 27 dicembre 2020, c’è stato un episodio molto discusso nello short program della specialità individuale maschile, legato a Yuzuru Hanyu poi trionfatore per dispersione della gara. Il Pluri Campione Olimpico infatti si è visto assegnare la chiamataNo level” nel quarto elemento del suo programma, la Change Foot Sit Spin, in italiano la trottola bassa con cambio di piede.

Una scelta oltremodo controversa quella del pannello tecnico, ancora oggi argomento di dibattito per via della sua inspiegabilità. In tanti infatti, sia nei commenti a caldo che in quelli più ragionati, hanno più volte fatto notare come la trottola del nipponico, seppur non perfetta, non fosse in realtà da annullare.

Nella giornata di giovedì 21 gennaio ha affrontato l’argomento anche Massimiliano Ambesi durante la terza puntata di “Winter Arena“, rubrica a cadenza settimanale condotta con Federico Militello in onda sui canali social di OA Sport. Il giornalista e commentatore di Eurosport ha espresso la sua opinione in merito facendo particolarmente leva sulla mancata applicazione delle norme regolamentari.

Secondo me non è stato rispettato quello che è il regolamento; ovvero che, in caso di dubbio, si valuta sempre a favore dell’atleta. Io quella trottola bassa con cambio di piede l’avrò rivista almeno cinquanta volte: sostanzialmente bisogna eseguire almeno due rotazioni consecutive su un piede e poi sull’altro piede, entrambe in posizione seduta (sit), affinché l’elemento sia valido. Yuzuru esegue prima dei twizzle ed entra nella trottola che inizia dal momento in cui l’atleta è in posizione seduta, ovvero quando la coscia su cui poggia il peso è sostanzialmente parallela al ghiaccio e quindi forma con il ginocchio un angolo retto“.

Dopo la breve introduzione l’analista di sport invernali ha affrontato il nocciolo della questione, da individuare nel momento in cui il pattinatore effettua il cambio di piede, da destro a sinistro: “Hanyu esegue due rotazioni sul piede destro in una variazione, poi ne esegue altri due con un’altra variazione e passa al piede sinistro, facendo sostanzialmente quattro rotazioni, prima due e poi due, con rispettive variazioni. Secondo il panello le rotazioni sul piede sinistro non sono mai state due complete con la stessa variazione. Sull’ultima variazione sono anche d’accordo, mancava qualcosa, ma sulla prima no: io l’ho vista tante volte e per me è stato impossibile capire se mancasse quel pezzetto di rotazione per poter dire automaticamente che l’elemento va no level perché mancano i due giri in posizione sit sul piede sinistro. Per come giudico io quella trottola doveva ottenere il livello 3, perché sulla prima variazione sul piede sinistro la gamba su cui non poggia il peso resta in posizione esterna, che è una feature, per i due giri o quasi. Anche lì devi capire se quella posizione viene mantenuta per due giri o meno; per me è impossibile capirlo e nel dubbio devi valutare a favore dell’atleta. Posso capire il livello 2, per il discorso sulla difficult variation sul piede sinistro, ma no level per me va contro i principi del regolamento, potrebbe essere un pericoloso precedente. Poi siamo punto a capo: o è così per tutti o così per nessuno; ma siccome nel dubbio devi valutare in favore dell’atleta, per me non era chiaro se ci fossero o meno le prime due rotazioni in posizione sit sulla prima variazione sulla gamba sinistra, quindi la trottola è valida con livello 3″. Di seguito il video completo.

LA TERZA PUNTATA DI WINTER ARENA  (la riflessione sulla trottolo bassa combinata di Hanyu si trova a partire dal minuto 11:12)



Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sci alpino, Valentina Cillara Rossi termina la stagione: troppo dolore al ginocchio

Biathlon, IBU Cup Arber II 2021: tre azzurri nei primi 15 nella 10 km sprint