Pallamano, un’Italia mai vista! Lettonia asfaltata 28-17, si sognano gli Europei!

E’ una grande Italia quella che si è vista questa sera al Pala Santa Filomena di Chieti. La Nazionale di pallamano maschile ha infatti superato 28-17 la Lettonia nella seconda giornata delle qualificazioni agli Europei 2022, al termine di un match dominato completamente per tutti i sessanta minuti di gioco, portando a casa due punti preziosissimi nella rincorsa ad un passaggio del turno che appare ancora difficile, ma non più impossibile.

Prime fasi in cui i portieri si sono resi grandi protagonisti, con Michele Skatar ha sbloccato il punteggio solamente al 4′, alla sua terza conclusione tentata, mentre dall’altro lato del campo il gigante Dainis Kristopans è stato contenuto dalla retroguardia azzurra, che per tutto il primo tempo gli ha concesso solamente una segnatura. L’Italia ha pienamente controllato il gioco, e al 20′ ha toccato il suo massimo vantaggio sul 9-6, replicando sul 10-7, grazie alle parate di uno straordinario Domenico Ebner, ma anche ai gol di Andrea Parisini, molto abile a trovare spazi sulla linea dei sei metri. Nel finale di frazione il nuovo allungo, timbrato questa volta da Pablo Marrochi, con le due formazioni che sono tornate negli spogliatoi sul 13-8.

Nella ripresa i ragazzi allenati da Riccardo Trillini sono ripartiti con il piede giusto, con Ebner che ha segnato dalla sua porta, mentre Marco Mengon e Nicolò D’Antino hanno messo a segno due contropiedi consecutivi, portando il tabellone sul 19-12 al 40′. Col passare del tempo il divario si è progressivamente allungato, fino al conclusivo 28-17, timbrato da Allan Pereira. Top scorer Andrea Parisini e Thomas Bortoli, con 5 reti, ma il migliore in campo è stato sicuramente il portiere Domenico Ebner, autentico trascinatore con i suoi interventi.

L’Italia ora è prima in classifica con 2 punti insieme a Norvegia e Bielorussia, ma domenica 10 affronterà nuovamente la Lettonia in trasferta, nel match più importante di queste qualificazioni. Sognare è lecito, e questi azzurri possono davvero arrivare lontano.

Foto: FIGH

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Rugby, Pro 14: Zebre e Benetton Treviso, rivincita a Parma

Tennis, ATP Delray Beach 2021: Gianluca Mager vince con grinta contro Ryan Harrison e conquista il 2° turno