Nuoto, Matteo Restivo: “Sogno la finale a Tokyo 2021, giusto concedere il vaccino agli olimpionici perché poco impattante”

Spirito di sacrificio e divertirsi in quello che si fa: è questa la ricetta di Matteo Restivo, primatista italiano dei 200 dorso e bronzo europeo in questa distanza a Glasgow nel 2018. Una storia particolare quella del 26enne nativo di Udine in cui studio e sport di alto livello riescono a coesistere.

Il segreto? “Farsi il “mazzo” e continuare su una strada che si sente propria. Restivo, con questa formazione di base, è prossimo alla laurea in Medicina e Chirurgia a Firenze ed è grazie alla sua vocazione e presenza in reparto che ha potuto fregiarsi di un “titolo” particolare: essere il primo atleta italiano a vaccinarsi, in questa lotta incessante contro il Covid-19. “Ho avuto questa opportunità perché mi mancano pochi esami a terminare i miei studi. In questi anni ho voluto portare avanti con forza un messaggio: l’assoluta fattibilità del binomio atleta-studente“, le parole del nuotatore azzurro, intervistato da OA Sport in collaborazione con Sport2U nel corso dell’ultima puntata di Swim2U.

Un ragazzo coraggioso e determinato Matteo che sul tema “vaccino” ha voluto precisare un aspetto importante: “Suggerisco di informarsi e di ascoltare persone competenti del settore. Io la mia scelta l’ho fatta e la consiglio, poi ognuno può documentarsi come meglio crede. Vaccino per gli atleti ai Giochi? Credo sia giusto quando ci sarà un numero di dosi sufficiente e quindi quelle destinate a chi andrà alle Olimpiadi non saranno impattanti sugli altri.

Seguire sempre quindi il proprio percorso e non demordere mai: “Mi sono trasferito a Firenze e ho avuto la fortuna di trovarmi nel gruppo della RN Florentia (guidato dal tecnico Paolo Palchetti) che mi ha permesso di conciliare i miei orari. Parallelamente ai miei buoni risultati universitari, sono migliorati i miei riscontri in piscina e questo ha accresciuto la consapevolezza in me stesso. Sono sempre stato un atleta capace di andare forte due o tre volte all’anno. Quando ho realizzato il record italiano nel 2017, ho dovuto poi convincermi di poter rifare una prestazione del genere e per questo ho lavorato dal punto di vista mentale. I riscontri cronometrici nel 2018 e nel 2019 mi hanno permesso di nuotare nuovamente l’1’56”. Indubbiamente, agli Europei di Glasgow ho provato una soddisfazione immensa, stabilendo il primato nazionale e conquistando il bronzo“, ha sottolineato Restivo.

E quindi per i Giochi? “Prima di tutto bisogna qualificarsi e l’appuntamento è agli Assoluti di marzo, poi sono scaramantico e non voglio rivelare i miei obiettivi. Posso solo dire che il mio tempo credo possa bastare per giocarsi una finale olimpica, un sogno“.

LA VIDEO INTERVISTA A MATTEO RESTIVO

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Prada Cup, Francesco Bruni: “Se regatiamo puliti, vinciamo. Molto competitivi contro American Magic”

Ciclismo, Chris Froome potrebbe disputare Giro d’Italia e Tour de France