Ciclismo, parterre di lusso all’UAE Tour: Pogacar, Ganna, Froome e tanti big pronti all’esordio!

Manca un mese esatto all’UAE Tour, corsa a tappe in programma negli Emirati Arabi Uniti dal 21 al 27 febbraio. Sarà uno dei primi appuntamenti World Tour di questa nuova stagione di ciclismo e il parterre si preannuncia davvero di lusso. RCS Sport e Dubai Sports Council hanno infatti confermato il primo elenco di corridori che parteciperanno alla kermesse in Medio Oriente. Gli appassionati potranno sicuramente divertirsi perché molti big del pedale hanno scelto questa breve corsa a tappe per iniziare a carburare nella nuova annata agonistica.

Ad aprire la fila sarà lo sloveno Tadej Pogacar, vincitore dell’ultimo Tour de France. Il britannico Chris Froome, trionfatore in quattro edizioni della Grande Boucle, farà il proprio esordio stagionale proprio in questo appuntamento e vestirà la casacca della Israel Start-Up Nation per la prima volta. Filippo Ganna non è potuto volare in Sudamerica e allora punterà su questa prova: il Campione del Mondo a cronometro si sta preparando per le Olimpiadi. Vedremo all’opera anche lo svizzero Marc Hirschi (fresco di passaggio alla UAE Emirates), il fuoriclasse olandese Mathieu van der Poel e alcuni velocisti di lusso come Caleb Ewan, Sam Bennett, Pascal Ackerman e Fernando Gaviria.

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sci alpino, i pluri-vincitori sulla Streif di Kitzbuehl. Didier Cuche detiene il record di successi in discesa

Pallanuoto femminile, Attila Biro (CT Ungheria): “La Grecia oggi ha giocato molto meglio di noi in difesa”