Calcio, l’Inter cambia logo dal 9 marzo: una strategia di mercato, polemiche sui social

Un fulmine a ciel sereno? Sì, lo si può dire. L’Inter cambia logo dal 9 marzo. La “rivoluzione” voluta da Suning ha lo scopo di allargare i propri orizzonti di mercato. Come rivelato dalla Gazzetta dello Sport, quello che tutti abbiamo conosciuto con la formula “Football Club Internazionale Milano”, associato al celebre disegno del 1908 di Giorgio Muggiani, lascerà spazio a una campagna di comunicazione diversa e rappresentata dalle lettere “I” e “M” (“I am Milano”), in relazione ai 113 anni della fondazione della società (per l’appunto il 9 marzo).

Una strategia studiata, dunque, per far sì che i giovani si sentano maggiormente coinvolti in un progetto identificativo sul territorio, ma soprattutto per aver riscontri più redditizi in fatto di marketing. Considerazioni poco gradite ai conservatori, sostenitori dell’idea che questa trasformazione voluta da Suning vada ad alterare le origini e la filosofia della società che rappresenta. Tuttavia, anche le casse del club hanno bisogno di entrate per mettere a posto i conti e avere un bilancio in una condizione meno preoccupante di quella attuale.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Serie A calcio 2020-2021

ultimo aggiornamento: 18-01-2021


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo, Tadej Pogacar correrà il Tour de France 2021 per difendere il titolo. Davide Formolo al Giro d’Italia

Sci alpino, Lars Roesti vince il superG di Zinal di Coppa Europa, 11° Giovanni Franzoni primo degli italiani