Basket femminile, Serie A1: Lucca, prima vittoria del 2021. Successi esterni per Virtus Bologna, Broni e Geas

Quattro le partite domenicali nella 16a giornata di Serie A1 2020-2021, che si completa con tre successi esterni e la prima vittoria dell’anno per Lucca, che interrompe un digiuno che durava dalla gara d’apertura della stagione. Il Geas si prende la quinta posizione solitaria, mentre la Virtus Bologna, pur soffrendo più del dovuto, aggancia di nuovo Schio e Broni si mantiene in corsa per evitare i playout.

FILA SAN MARTINO DI LUPARI-ALLIANZ GEAS SESTO SAN GIOVANNI 71-75 (17-18, 38-37, 52-61)
Una partita tutta andata sul filo dell’equilibrio si apre con Anderson, Varaldi e Pasa che firmano l’immediato 6-0. Gwathmey e Graves fanno la voce grossa nell’impattare a quota 9. Panzera e Verona firmano il +4 (14-18), Sulciute ricuce da tre e poi, sul 23-25, c’è il nuovo sorpasso di Tonello ancora dall’arco. Graves firma uno 0-6 da sola, ma ci pensa il trio Anderson-Sulciute-Pasa a far chiudere al Fila in vantaggio la prima metà di gara. Al rientro in campo le padrone di casa riprovano l’affondo con Ciavarella e un’ottima Anderson (43-37), solo per ricevere in risposta un break di 2-13. Due triple di Verona e una di Gwathmey fanno volare il Geas sul 49-59, due liberi sul 49-61 (massimo vantaggio), ma di lì San Martino non si arrende e, con il gruppo italiano e Sulciute, riesce a rientrare fino al -2 (65-67). L’ultima parola, però, è di Sesto San Giovanni, che si mantiene al quinto posto con i 30 punti di Graves (con 13/14 dal campo) e i rintocchi finali di Panzera e Verona.
TOP SCORER
FILA – Anderson 19, Sulciute 17, Tonello 11
GEAS – Graves 30, Gwathmey 19, Verona 13

GESAM GAS E LUCE LE MURA LUCCA-LIMONTA COSTA MASNAGA 77-67 (28-20, 46-28, 64-49)
Più di due ore prima della partita, emerge la rabbia della società toscana, che su Facebook s’infuria per lo stato in cui versano gli spogliatoi del PalaTagliate. In campo, però, la squadra toscana riesce a trovarsi come non le riusciva da tempo, intascando la seconda vittoria della stagione. Il ritmo è subito altissimo, con sorpassi a ripetizione, poi è Miccoli a lanciare la Gesam Gas e Luce verso un importante 10-2. L’attacco delle ospiti smette di funzionare, Lucca ringrazia scavando senza troppi problemi un solco molto ampio con i canestri di Russo e soprattutto Miccoli, volando anche oltre i 20 punti di vantaggio. A ricucire lo strappo ci provano Matilde Villa e soprattutto Nunn, riuscendo in un primo momento ad arrivare fino al -10 perché Lucca controlla agilmente. Il duo Nunn-Villa, con sporadiche collaborazioni di Allievi e Jablonowski, le prova tutte, porta Costa Masnaga anche sotto la doppia cifra di svantaggio, ma oltre a un’ottima Russo l’ultimo quarto se lo prende Harper per ridare sorrisi alle toscane.
TOP SCORER
LUCCA – Harper 18, Miccoli 17, Russo 11
COSTA MASNAGA – Nunn 20, M. Villa 17, Del Pero 9

DONDI MULTISTORE VIGARANO-VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA 67-77 (12-10, 30-33, 47-52)
Serata molto più complicata del previsto per le V nere, che comunque continuano la corsa al secondo posto nonostante il 3/18 da tre punti complessivo, compensato dal 24/27 in lunetta. Entrambe le squadre iniziano lentamente, poi la Virtus rimane lenta, Vigarano no: arrivano il 9-3 e poi il 12-5 con Elena Bestagno, cugina della veneziana Martina, in evidenza. Williams accorcia sul 12-10 a fine primo quarto, ma la Dondi Multistore è coriacea, trovando soluzioni con Albano e Sorrentino. Bologna passa ancora con Williams (22-23), ma non sfonda nonostante il suo quasi solitario 0-11. Rosset quasi fa rientrare le padrone di casa nel finale di prima metà di gara, ma al rientro sul parquet un guizzo di Bishop fa andare ancora piuttosto avanti le ospiti (34-43). Tapley e soprattutto Rosset non si arrendono, ma alla lunga la rotazione cortissima di Vigarano, a sette giocatrici, finisce per farsi sentire: è fatale l’ultimo affondo di Barberis e Bishop, cui si aggiunge un pizzico di Begic, in serata no, ma comunque decisiva. La Dondi Multistore lotta fino alla fine, ma è costretta a cedere.
TOP SCORER
VIGARANO – Rosset 20, Tapley 12, Sorrentino 8
BOLOGNA – Bishop 16, Williams 15, Barberis 11

O.ME.P.S. BRICUP BATTIPAGLIA-PF BRONI 93 63-71 (27-19, 38-34, 49-59)
In una stagione affrontata sostanzialmente senza americane (a parte la portoricana Sofia Roma), per Broni continuano a emergere, nelle partite importanti per la sua stagione, i volti di Sara Madera e Marida Orazzo. Eppure per larghi tratti Battipaglia può davvero toccare con mano la prima vittoria, con un grande inizio di Bocchetti e Melgoza, tornata a pieno regime. Anche Hersler si unisce al momento positivo delle campane, che volano fino al +10 (19-9) e poi +11 (24-13). I primi tre minuti del secondo quarto passano senza canestri, e ci sono solo la tripla di Madera e i due punti di McCray fino a metà periodo, poi le cose si sbloccano con l’avvicinamento di Broni. Le ospiti tornano in campo senza riuscire inizialmente a rientrare, ma è solo questione di tempo: Orazzo e Madera siglano il pari (44-44), ed è quest’ultima a firmare poco dopo la tripla del sorpasso. Seguono l’onda anche Parmesani e Togliani, spedendo Broni sul 51-63. McCray, Hersler e Moroni cercano di far rientrare l’O.ME.P.S., senza esito: Madera, Rulli e Orazzo controllano la situazione con successo.
TOP SCORER
BATTIPAGLIA – Bocchetti 16, Melgoza 15, McCray e Hersler 13
BRONI – Madera 26, Orazzo 21, A. Togliani 8

CLASSIFICA
1 Venezia 32
2 Schio, Bologna 26
4 Ragusa 24
5 Sesto San Giovanni 18
6 Empoli, San Martino di Lupari 16
8 Costa Masnaga 14
9 Campobasso 10
10 Broni 8
11 Sassari 6
12 Lucca 4
13 Vigarano 2
14 Battipaglia 0

Schio, Sesto San Giovanni, Empoli 1 partita in meno
Ragusa, Campobasso, Sassari, Vigarano 2 partite in meno
Broni 3 partite in meno
Lucca, Battipaglia 4 partite in meno

Credit: Ciamillo

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Atalanta-Genoa 0-0, Serie A: la Dea si ferma dopo tre pareggi, punto cruciale per il Grifone

Basket, Serie A: la Virtus Bologna vince a Cantù, la Reyer Venezia stende Brindisi nel big match