Skeleton, una magnifica Valentina Margaglio manca il podio per 4 centesimi in Coppa del Mondo a Igls

Terza tappa per la Coppa del Mondo di skeleton al femminile: dopo due settimane in quel di Sigulda ci si è spostati verso l’Austria, ad Igls, dove ci sarà un altro back-to-back. Ad esaltare i colori azzurri sul catino austriaco è una meravigliosa Valentina Margaglio che sfiora il podio e fa sognare: un salto di qualità eccellente quello della 27enne nativa di Casale Monferrato, che a mano a mano sta entrando nell’élite della disciplina.

Tante problematiche sul budello posto in quel di Innsbruck: l’IBSF è stata costretta ad annullare la prima run a causa di irregolarità, con cumuli di neve trovati sul ghiaccio e una scopa che è andata ad impattare l’atleta delle Isole Vergini Katie Tannenbaum. La giuria ha quindi deciso di cancellare i tempi della discesa iniziale ed assegnare la vittoria in una singola manche.

Ad imporsi è stata la campionessa d’Europa in carica, la russa Elena Nikitina, con il tempo di 53.74. Per la 28enne di Mosca eccellente run su uno dei catini preferiti: arriva la vittoria numero 10 in carriera, la terza ad Igls. Seconda posizione per l’olandese Kimberley Bos, staccata di 28 centesimi, al terzo podio su tre gare in stagione. Completano il podio, a pari merito, la padrona di casa Janine Flock (sfortunata, visto che era in testa dopo la prima run) e la teutonica Tina Hermann.

Come detto, strepitosa Valentina Margaglio. L’azzurra si era già disimpegnata al meglio nella prima discesa, poi annullata. Si migliora a livello cronometrico e sfiora il primo podio in carriera in Coppa, distante solamente 4 centesimi (49 dalla vetta). Una quinta piazza in ogni caso di valore assoluto, con le ambizioni che continuano a crescere (e settimana prossima, sempre in quel di Igls, potrebbe provare a stupire ancora). Da sottolineare anche la performance di Alessia Crippa, quattordicesima.

gianluca.bruno@oasport.it

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

F1, analisi dei tempi prove libere: Mercedes si conferma al comando, ottimo passo gara per la Red Bull. Ferrari insegue con Leclerc

Skeleton, Valentina Margaglio: “Il quinto posto mi regala fiducia, posso ancora migliorare tanto”