Sci alpino: Petra Vlhova da battere, ma la lotta per la Coppa è aperta. Anche a tre italiane

La Coppa del Mondo femminile rifiata un attimo in attesa delle ultime gare dell’anno, a Semmering. Sempre con Petra Vlhova saldamente in testa alla classifica generale. Normale che resti lei la principale favorita, per svariate ragioni: intanto, il vantaggio accumulato sulle rivali, nemmeno poi così poco; il numero di prove tecniche a disposizione; l’ottima impressione data nel primo superG stagionale, a Val d’Isere, chiuso al 6° posto; uno staff numeroso che lavora per lei, 24 ore su 24.

Ciò detto, la lotta resta aperta. Perché gareggiare in discesa e superG toglie energie fisiche e nervose a tutte, e in questo senso la tappa austriaca, imminente, ci darà una prima indicazione su cosa voglia dire tornare a gigante e slalom dopo giorni e giorni dedicati alla velocità. Poi, c’è sempre la variabile Shiffrin: se tornerà o meno a gareggiare in velocità lo scopriremo fra poco, ma sicuramente potrà essere un “arbitro” della contesa per i punti che è in grado di togliere alle dirette concorrenti. Non va dimenticato un altro fattore: con il ritorno al top di Sofia Goggia, di Ilka Stuhec, con buoni segnali dati da Michelle Gisin e Lara Gut, con il recupero di molte americane infortunate nel recente passato, discesa e superG vantano adesso una concorrenza superiore rispetto solo alla scorsa annata. E’ probabile che Goggia e Suter vadano a giocarsi la Coppa di discesa in una sfida a due, ma in ogni caso per le “polivalenti” non sarà facile macinare punti anche lì, e in superG il numero delle atlete capaci di inserirsi al vertice aumenta.

L’Italia femminile può puntare a diverse coppe di specialità con tre atlete, Goggia-Bassino-Brignone, e sognare comunque la riconquista della generale. Difficile, ma non impossibile. Bassino sta macinando già più punti rispetto allo stesso periodo, un anno fa. Brignone è sulla stessa lunghezza d’onda, le manca ancora la vittoria, ma arriverà; Goggia sta crescendo in gigante, è al top in discesa e aspetta miglioramenti in superG. E’ chiaro che Marta&Federica dovranno comunque conquistare punti importanti anche in slalom per poter avere qualche chance di successo, l’obiettivo top10 è da perseguire il prima possibile; Sofia invece ha necessità di tornare sul podio in gigante per sognare in grande.

Niente è impossibile, anche perché resta l’incognita Shiffrin: se torna a fare velocità, sarà della partita anche lei per la generale. In caso contrario, ci ripetiamo, toglierà comunque punti “pesanti” alle concorrenti per la Coppa. La cui conquista, direttamente o no, passa anche dalla fuoriclasse del Colorado.

Foto: Pentaphoto

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tour de Ski 2021, i convocati dell’Italia: spiccano Federico Pellegrino, De Fabiani e Graz. C’è Martina Di Centa

Tennis, Juan Carlos Ferrero: “Djokovic e Nadal non saranno gli unici favoriti per gli Slam. Alcaraz può entrare nella top-50”