Rugby, Autumn Nations Cup: l’Irlanda batte la Scozia e chiude terza

Un podio nel nome di Keith Earls, autore delle mete che spezzano l’equilibrio a Dublino e che danno all’Irlanda la vittoria contro la Scozia nella finalina della Autumn Nations Cup. Equilibrio che dura un tempo, ma nella ripresa alzano il ritmo i padroni di casa e vincono meritatamente.

Spinge subito l’Irlanda nei primi minuti di gioco, obbliga la Scozia a un paio di falli e la chiude nella sua metà campo. Così dopo sei minuti di gioco Jonathan Sexton va sulla piazzola dalla distanza, ma non trova i tre punti. Insiste l’Irlanda, ma la Scozia difende bene e, anzi, con un bell’intervento in ruck conquista una punizione che Jaco van der Walt può provare a piazzare da lontano, ma anche lui non trova i pali. Prova a insistere la squadra ospite, al 13’ conquista un’altra punizione e questa volta l’apertura è in posizione più comoda e non sbaglia per lo 0-3. Gioca meglio la Scozia in questo momento del match, con l’Irlanda costretta a difendere e che soffre in mischia chiusa e al 19’ proprio un fallo del pack rimanda van der Walt sulla piazzola per lo 0-6 con cui si chiude il primo quarto di gioco.

Prova a reagire l’Irlanda e al 22’ subisce un fallo e Sexton torna sulla piazzola e questa volta non sbaglia e accorcia il divario tra le due squadre. Gioca, però, meglio la Scozia e al 25’ ancora una fallo dei padroni di casa e ancora van der Walt che va sulla piazzola e nuovo allungo degli ospiti. L’Irlanda alza il livello del gioco e alla mezz’ora un passaggio di Aki viene bloccato da Duncan Taylor in maniera irregolare e il centro scozzese viene ammonito, con Sexton che va sulla piazzola per il 6-9. Insiste l’Irlanda, schiaccia la Scozia nei propri 22 metri e al 38’ l’apertura irlandese sfrutta un vantaggio per un calcio nell’area di meta dove dopo lo scontro tra due giocatori è Keith Earls ad avventarsi sull’ovale e a schiacciare in meta per il 11-9 con cui si va al riposo.

Riparte sul piede avanzante l’Irlanda a inizio ripresa, Stuart Hogg si trova in difficoltà su un pallone che rimbalza e mischia per i padroni di casa nei 22 offensivi. Insistono gli uomini di mischia irlandesi e arriva la meta con Cian Healy che viene sospinto oltre la linea e Irlanda che va sul 18-9. Ora l’Irlanda ha il controllo del match, la Scozia soffre tantissimo in difesa e l’ennesimo fallo, questa volta in maul, ridà una touche sui 5 metri a Sexton e compagni. Sull’azione seguente la palla va velocemente da destra a sinistra, ovale che giunge a Keith Earls e seconda meta per l’ala che fa scappare via l’Irlanda sul 25-9. Reagisce la Scozia, dopo un lungo periodo di difficoltà, e al 56’ palla raccolta in ruck da Duhan van der Merwe che da solo scatta e arriva fino in fondo per la meta del 25-16.

È però lo show di Keith Earls, che al 59’ si avventa su una palla volante che rimbalza senza che Hogg riesca a raccoglierla, ma sul prosieguo dell’azione fallo irlandese e nulla di fatto. Scozia però troppo fallosa, che permette all’Irlanda di gestire il vantaggio e mantenere il dominio territoriale mentre passa il tempo. Prova a chiuderla la squadra di casa, conquista una nuova punizione e questa volta è Ross Byrne a trovare i pali per il 28-16 per l’Irlanda a 15 minuti dalla fine. Ormai la Scozia non ha più le forze per reagire, così è un monologo verde nel finale del match e al 74’ la pressione si trasforma in meta, con la palla che va al largo a Peter O’Mahony che può volare oltre, ma ha sfiorato la linea laterale e nulla di fatto. Si torna sul fallo precedente e Byrne allunga ancora con altri tre punti per il 31-16 finale.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI RUGBY

duccio.fumero@oasport.it

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Jean Catuffe / DPPI – LPS

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Autumn Nations Cup 2020 Irlanda Scozia

ultimo aggiornamento: 05-12-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pattinaggio artistico: Lara Naki Gutmann in testa dopo lo short alla terza tappa del Gran Premio Italia, Tornaghi insegue

Superbike, Christophe Ponsson torna pilota titolare con il team Gil Motor Sport