Pattinaggio di figura, Campionati Italiani 2020: Guignard-Fabbri per mantenere alto il livello; test importante per Moscheni-Fioretti

Una tradizione ventennale che non deve spezzarsi. Assumerà un sapore molto particolare la prova della danza sul ghiaccio ai Campionati Italiani 2020 di pattinaggio di figura, in scena questo fine settimana presso la Würth Arena di Egna-Neumarkt (Bolzano). Nella Bassa Atesina infatti, ad eccezione dei veterani e massimi rappresentanti della specialità Charlène Guignard-Marco Fabbri, le osservate speciali saranno altre coppie non solo della massima categoria ma anche di quella Junior.

Per i fuoriclasse allenati da Barbara Fusar Poli l’obiettivo sarà chiaro: proseguire con i giri già altissimi sfoggiati in occasione dell’esordio stagionale al Gran Premio Italia di Trento, dove sono arrivati a conquistare l’altissimo totale di 223.82 che, anche se non va preso in considerazione vista la composizione locale della giuria, segna comunque una crescita rispetto al riscontro sempre in contesto italiano dell’annata sportiva precedente, lasciando ben sperare per il futuro internazionale

I riflettori saranno inoltre nuovamente puntati sulla nuova coppia formata da Carolina Moscheni-Francesco Fioretti, reduci dal positivo debutto nel circuito interno chiuso con la buona base di 163.50; per gli allievi seguiti anche in questo caso da Barbara Fusar Poli in questa occasione ci sarà un nuovo test, in quanto si misureranno con avversari di caratura diversa rispetto agli imprendibili primi della classe; si tratta di Chiara Calderone-Francesco Riva, anche loro da pochissimo tempo insieme. In campo Junior saranno infine pronti a ruggire Carolina Portesi Peroni-Michael Chrastecky, apparsi ancora più affiati nella gara di Trento e dunque motivati a ottenere nuovamente il titolo Nazionale per il secondo anno consecutivo.

CLICCA QUI PER CONOSCERE IL PROGRAMMA DEI CAMPIONATI ITALIANI 2020

fabrizio.testa88@gmail.com

LA NOSTRA STORIA 

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI PATTINAGGIO ARTISTICO

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Valerio Origo

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basket: Reggio Emilia taglia Janis Blums, ma non prevede un ricambio. Il giocatore: “Mai successo in 22 anni, ma non ho rancore. Vorrei l’A2”

Boxe, Kubrat Pulev: “Voglio diventare Campione del Mondo. Rispetto Joshua, ma posso batterlo”