Ginnastica artistica, Europei 2020: l’Ucraina vince l’oro nella gara a squadre. Turchia e Ungheria sul podio

Nell’edizione degli Europei di ginnastica artistica più modesta della storia, l’Ucraina ha vinto la medaglia d’oro nella gara a squade maschile. A Mersin (Turchia) sta andando in scena una rassegna continentale dallo scarso contenuto tecnico e agonistico a causa dell’assenza di massa delle Nazioni di vertice, rimaste a casa a causa dell’emergenza sanitaria. Italia, Russia, Gran Bretagna, Germania, Francia, Olanda, Belgio, Svizzera, Spagna hanno deciso di non partecipare all’evento in modo da salvaguardare la salute dei propri atleti e così i (pochi) altri Paesi si stanno fronteggiando per delle medaglie dallo scarsissimo impatto internazionale.

https://www.oasport.it/2020/12/live-ginnastica-artistica-europei-2020-in-diretta-finali-di-specialita-si-assegnano-le-medaglie/

L’Ucraina ha trionfato con 248.963 punti al termine di sei rotazioni controllate con assoluta disinvoltura e senza particolari patemi d’animo. I gialloblù sono saliti così sul gradino più alto del podio per la prima volta nella storia, succedendo alla Russia che aveva trionfato due anni fa. Un tonico Igor Radivilov e un ottimo Petro Pakhniuk, affiancati da Yevgen Yudenkov e Vladyslav Hryko, hanno trascinato la propria formazione verso l’apoteosi, riuscendo così ad avere la meglio sulla Turchia, in testa al termine del turno di qualificazione.

I padroni di casa si sono fermati a 244.793 punti. Non sono bastate un paio di fiammate di Ibrahim Colak (Campione del Mondo agli anelli) e di Ferhat Arican, affiancati da Ahmet Onder, per riuscire a conquistare la gloria tra le mura amiche. L’argento è comunque il miglior risultato della storia per la formazione anatolica. A completare il podio è stata l’Ungheria di David Vecsernyes e Krisztofer Meszaros (240.393), brava a regolare Israele (239.028 per Dolgopyat e compagni), Bulgaria (236.429) e Austria (235.325). Domani si disputeranno le Finali di Specialità.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Rugby, Challenge Cup 2020-2021: Zebre, troppi errori e pareggio con il Bayonne

Sci alpino, le pagelle di oggi: il capolavoro di Marta Bassino. Paris c’è, Brignone reagisce