Ginnastica artistica, Europei 2020: l’Ucraina vince l’oro nella gara a squadre. Turchia e Ungheria sul podio

Nell’edizione degli Europei di ginnastica artistica più modesta della storia, l’Ucraina ha vinto la medaglia d’oro nella gara a squade maschile. A Mersin (Turchia) sta andando in scena una rassegna continentale dallo scarso contenuto tecnico e agonistico a causa dell’assenza di massa delle Nazioni di vertice, rimaste a casa a causa dell’emergenza sanitaria. Italia, Russia, Gran Bretagna, Germania, Francia, Olanda, Belgio, Svizzera, Spagna hanno deciso di non partecipare all’evento in modo da salvaguardare la salute dei propri atleti e così i (pochi) altri Paesi si stanno fronteggiando per delle medaglie dallo scarsissimo impatto internazionale.

https://www.oasport.it/2020/12/live-ginnastica-artistica-europei-2020-in-diretta-finali-di-specialita-si-assegnano-le-medaglie/

L’Ucraina ha trionfato con 248.963 punti al termine di sei rotazioni controllate con assoluta disinvoltura e senza particolari patemi d’animo. I gialloblù sono saliti così sul gradino più alto del podio per la prima volta nella storia, succedendo alla Russia che aveva trionfato due anni fa. Un tonico Igor Radivilov e un ottimo Petro Pakhniuk, affiancati da Yevgen Yudenkov e Vladyslav Hryko, hanno trascinato la propria formazione verso l’apoteosi, riuscendo così ad avere la meglio sulla Turchia, in testa al termine del turno di qualificazione.

I padroni di casa si sono fermati a 244.793 punti. Non sono bastate un paio di fiammate di Ibrahim Colak (Campione del Mondo agli anelli) e di Ferhat Arican, affiancati da Ahmet Onder, per riuscire a conquistare la gloria tra le mura amiche. L’argento è comunque il miglior risultato della storia per la formazione anatolica. A completare il podio è stata l’Ungheria di David Vecsernyes e Krisztofer Meszaros (240.393), brava a regolare Israele (239.028 per Dolgopyat e compagni), Bulgaria (236.429) e Austria (235.325). Domani si disputeranno le Finali di Specialità.

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Rugby, Challenge Cup 2020-2021: Zebre, troppi errori e pareggio con il Bayonne

Sci alpino, le pagelle di oggi: il capolavoro di Marta Bassino. Paris c’è, Brignone reagisce