Combinata nordica, dopo il Covid-19, Alessandro Pittin è pronto all’esordio stagionale. A Ramsau ci saranno anche le donne

Buone notizie per l’Italia della combinata nordica. Infatti nell’imminente weekend di Ramsau am Dachstein si verificherà l’esordio stagionale di Alessandro Pittin. Il trentenne di Cercivento aprirà quindi la sua stagione 2020-21 dopo essere stato costretto a disertare la tappa inaugurale di Kuusamo, disputata a fine novembre, a causa del fatto di aver contratto il Covid-19. In tal senso, la cancellazione dell’appuntamento di Lillehammer, programmato due settimane orsono, si è rivelato una fortuna, poiché ha consentito al bronzo olimpico di Vancouver 2010 di dare forfait solo per una tappa anziché due. C’è grande curiosità per capire quale sarà il livello sul trampolino del friulano, soprattutto alla luce delle buone prestazioni messe in mostra dai compagni di squadra in terra finlandese. La condizione atletica sugli sci stretti, invece, è tutta da verificare.

Oltre a Pittin, saranno altri tre gli azzurri impegnati a Ramsau am Dachstein. Si tratta di Samuel Costa, Aaron Kostner e Raffaele Buzzi. Ogni componente del terzetto è stato capace di entrare in zona punti a Kuusamo. La speranza è quindi che possano ripetersi anche nel contesto austriaco, diametralmente opposto rispetto a quello nordico. Il trampolino della Stiria, difatti, è di dimensioni molto minute, a differenza del Rukatunturi (dove si è disputato l’opening stagionale), che invece era il più imponente in assoluto fra quelli affrontati dai combinatisti. Questo significa che i distacchi di partenza saranno verosimilmente ridotti, dando vita alle abituali “gare di massa” di Ramsau, dove risalire la china può però risultare complicato a causa della pista molto stretta.

Non va dimenticato come la stazione sciistica austriaca sarà teatro della prima, storica, gara della Coppa del Mondo di combinata nordica femminile. Il massimo circuito “rosa” avrebbe dovuto prendere il via a Lillehammer, ma come già detto la tappa è stata cancellata. Si è comunque riusciti a imbastire un recupero parziale in quel di Ramsau, dove le donne vivranno una giornata da ricordare negli annali. Saranno tre le azzurre al via della competizione, ovvero Veronica Gianmoena, Annika Sieff e Daniela Dejori.

L’intera tappa, compresa la storica gara femminile, sarà trasmessa in diretta da Eurosport. Le donne si sfideranno venerdì 18 dicembre. Il segmento di salto è programmato alle ore 9.20, mentre quello di sci di fondo alle 13.35. Entrambi saranno visibili sul canale Eurosport2. Gli uomini, invece, saranno di scena sabato 19 e domenica 20. La prova del sabato (salto 10.45/fondo 14.15) andrà in onda su Eurosport 2, mentre quella della domenica (salto 11.00/fondo 15.15) su Eurosport.

Foto: La Presse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pallamano, Mondiali 2021: la Germania dovrà fare a meno di Patrick Wiencek e Fabian Weide!

Sci Alpino, otto i convocati dell’Italia per le gare di Coppa del Mondo in Val Gardena. Fari puntati su Dominik Paris