Vuelta a España 2020, Primoz Roglic: “Sono felicissimo per questa vittoria. Il finale è stato molto emozionante”

Nonostante qualche chilometro di grande sofferenza Primoz Roglic è riuscito a difendersi dal tentativo di risalita di Richard Carapaz e ha conquistato di fatto la Vuelta a España 2020. Il ciclista della Jumbo-Visma è riuscito a limitare i danni perdendo solo 21 dei 45 secondo di margine sul traguardo dell’Alto de la Covatilla.

Ovviamente soddisfatto per essere riuscito a trionfare nella corsa a tappe spagnola, che cancella parzialmente la delusione per il secondo posto ottenuto al Tour de France: “Avevo abbastanza vantaggio e sapevo di poter salire con il mio ritmo sulla salita finale. Sono molto contento della vittoria di questa Vuelta. È un ottimo modo per concludere questa stagione. La parte finale della tappa è stata molto emozionante. Non ho sempre avuto il controllo, ma fortunatamente ho portato a termine il mio compito. Tutta la squadra ha fatto un ottimo lavoro. Sono molto grato ad ognuno di loro“.

salvatore.serio@oasport.it
Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Primoz Roglic Vuelta a España 2020

ultimo aggiornamento: 07-11-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Vuelta a España 2020: Richard Carapaz ha attaccato troppo tardi. E ha perso per gli abbuoni

Ginnastica, Giorgia Villa: “È stato fantastico, avevo fatto pari merito con Asia da piccola. Il volteggio…”