Vuelta a España 2020, le pagelle di oggi: emozionante vittoria per Pascal Ackermann al fotofinish. Si arrende Bennett

Pagelle diciottesima tappa Vuelta a España 2020

Pascal Ackermann, voto 9: arriva una vera vittoria per il teutonico in questa Vuelta. L’uomo della Bora-hansgrohe si era già imposto ad Aguilar de Campoo, sfruttando però la squalifica di Bennett. Oggi il trionfo è tutto suo. La sua squadra lavora al meglio, lo lancia a 200 metri dal traguardo, e lui non sbaglia niente, imponendosi proprio per centimetri.

Sam Bennett, voto 7: voleva chiudere il tris di vittorie nelle tappe conclusive dei grandi giri, invece questo record è rimandato. L’irlandese ne aveva per vincere, ma perde le ruote della squadra, non sfrutta il lavoro dei compagni ed è costretto ad arrangiarsi in solitaria nell’ultimo chilometro. Trova la ruota di Ackermann, prova a superarlo, ma si arrende al fotofinish.

Max Kanter, voto 7: altro ottimo piazzamento per il teutonico, che trova il podio in uno sprint importante e dimostra una gran crescita nelle volate di gruppo.

Jasper Philipsen, voto 6,5: ci si aspettava molto di più in uno sprint del genere dal belga che aveva fatto vedere grandi cose a Puebla de Sanabria. Solo quarto a Madrid.

Deceuninck – Quick-Step, voto 5,5: lo squadrone belga voleva assolutamente la vittoria, lavora alla grande per Bennett, ma si perde nel finale. Morkov e Stybar non trascinano al meglio il velocista irlandese che è costretto a giocarsela in solitaria e si arrende ad Ackermann.

Hugh Carthy, voto 4: era stato straordinario in tutta la Vuelta, si perde nell’ultima tappa, per fortuna senza conseguenze. Il britannico prende un buco in volata e perde 28”, sono vani però in chiave classifica generale: è lo stesso terzo e sul podio di Madrid.

gianluca.bruno@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Vuelta a España 2020, Richard Carapaz: “Felice delle tante bandiere dell’Ecuador. L’anno prossimo? Vedremo”

Basket, Serie A 2020-2021: l’Olimpia Milano asfalta Brescia e mantiene la vetta, Venezia sbanca Roma