Vuelta a España 2020: Gaudu serve il bis sull’Alto de la Covatilla. Carapaz stacca Roglic, ma lo sloveno salva la maglia roja

David Gaudu conquista la penultima tappa della Vuelta a España 2020, che prevedeva l’arrivo in quota sull’Alto de la Covatilla. Per lo scalatore transalpino è il secondo successo in quest’edizione della corsa spagnola dopo quella ottenuta sull’Alto de la Farrapona. Richard Carapaz (Ineos) nel finale ha staccato la maglia roja Primoz Roglic (Jumbo-Visma), ma non ha guadagnato abbastanza per strappare il simbolo del primato al rivale. Lo sloveno, così, conquista per la seconda volta consecutiva l’ultimo grande giro della stagione precedendo di 24″ l’ecuadoriano e 47″ il britannico Hugh Carthy (EF Pro Cycling).

La corsa ha visto ben trentaquattro corridori andare in fuga. Questi i loro nomi: David De La Cruz, Sergio Henao, Rui Costa, Ivo Oliveira (UAE-Emirates), David Gaudu, Bruno Armirail (Groupama-FDJ), Guillaume Martin, Victor Lafay (Cofidis), Gino Mader, Stefan De Bod (NTT Pro Cycling), Nicholas Schultz, Dion Smith (Mitchelton-Scott), Ion Izagirre, Omar Fraile (Astana), Nelson Oliveira, Imanol Erviti, Jorge Arcas (Movistar), Juan Pedro Lopez (Trek-Segafredo), Dorian Godon (AG2R La Mondiale), Michael Storer, Mark Donovan, Jasha Sutterlin (Sunweb), Lennard Hofstede (Jumbo-Visma), Jonathan Lastra, Aritz Bagues (Caja Rural-Seguros), Tim Wellens, Stan Dewulf, Tosh Van Der Sande (Lotto Soudal), Remi Cavagna (Deceuninck-Quick Step), Michael Schwarzmann (Bora-Hansgrohe), Julius Van Der Berg (EF Pro Cycling) e Alex Molenaar (Burgos-BH). La Jumbo-Visma prima, data la presenza davanti di uomini ben posizionati in classifica come Gaudu e De La Cruz, e la Movistar poi, però, non hanno mai lasciato troppo spazio ai battistrada. A circa trenta chilometri dal traguardo, il sodalizio spagnolo guidato da Eusebio Unzué ha fatto partire Soler dal gruppo maglia roja. Il catalano è rientrato sui primi, mentre il plotone dei favoriti ha rallentato notevolmente, permettendo agli attaccanti di riallungare.

A venti chilometri dall’arrivo, in un tratto in porfido precedente all’Alto de la Covatilla, hanno attaccato, dal gruppo di testa, Gino Mader, Ion Izagirre e Mark Donovan. I tre, tuttavia, sull’erta conclusiva sono stati ripresi e staccati da David Gaudu che ha vinto la tappa. In gruppo Carthy ha attaccato per primo, ma non ha fatto la differenza. Al contrario, a circa quattro chilometri dall’arrivo, Carapaz ha affondato il colpo e ha staccato Roglic. Lo sloveno, però, ha stretto i denti e, anche grazie all’aiuto del compagno di squadra Hofstede e di Marc Soler ed Enric Mas della Movistar, ha limitato i danni in modo eccellente.

luca.saugo@oasport.it

Twitter: @LucaSaugo

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

MotoGP, Valentino Rossi: difficile fare di più dopo la lunga assenza. Anche il meteo non ha aiutato

Vuelta a España 2020, David Gaudu: “Vittoria merito di Armirail. Posso andare in vacanza felice”