Sci alpino, i convocati dell’Italia per i paralleli di Lech. Il regolamento delle gare: tante novità in Coppa del Mondo

La Coppa del Mondo di sci alpino ripartirà da Lech (Austria), dove tra giovedì 26 e venerdì 27 novembre si disputeranno due paralleli: ad aprire le danze saranno le donne, dopo il doppio slalom di Levi; a seguire toccherà agli uomini che così ritorneranno sulla neve dopo il gigante d’apertura di Soelden.

Il regolamento prevede che vengano utilizzati gli sci da gigante, con una distanza tra le porte tra i 16 e i 20 metri. Le qualificazioni si disputeranno sulla distanza delle due run: una sulla corsia rossa e l’altra sulla pista blu, la somma dei tempi definirà la classifica e i migliori 16 atleti accederanno al tabellone della fase a eliminazione diretta. Grande novità: ottavi, quarti, semifinali e finali si disputeranno sulla distanza delle due manche (fino all’anno scorso era solo una), come sempre il cancelletto di partenza della seconda run si aprirà col distacco accumulato nella prima gara (massimo 5 decimi). I punti di Coppa del Mondo verranno assegnati attraverso il classico sistema di punteggio.

L’Italia sarà presente con 13 atleti: 9 donne e 4 uomini. Marta Bassino e Federica Brignone inseguono punti importanti per la classifica generale, rivedremo Sofia Goggia che era assente in Finlandia, attenzione alla verve di Martina Peterlini e Marta Rossetti. Tra gli uomini Luca De Aliprandini, Giovanni Borsotti, Roberto Nani e Hannes Zingerle inseguiranno un buon piazzamento. Di seguito i convocati dell’Italia per i paralleli di Lech, prove valide per la Coppa del Mondo 2020-2021 di sci alpino in programma il 26-27 novembre.

CONVOCATI ITALIA PARALLELI LECH:

DONNE: Marta Bassino, Federica Brignone, Nicol Delago, Lara Della Mea, Sofia Goggia, Roberta Melesi, Martina Peterlini, Laura Pirovano e Marta Rossetti.

UOMINI: Luca De Aliprandini, Giovanni Borsotti, Roberto Nani e Hannes Zingerle.

LA NOSTRA STORIA 

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basket, perché le qualificazioni agli Europei 2022 per l’Italia sono…finte? Il regolamento

Ciclismo, la Movistar conferma l’arrivo di Miguel Ángel López! Il colombiano ha firmato un contratto annuale