Pattinaggio artistico, Rostelecom Cup 2020: primo test di alto profilo per Kolyada, tanti candidati per il podio

Tra gli innumerevoli spunti d’interesse che riserverà la Rostelecom Cup 2020, terza tappa del circuito ISU Grand Prix 2020-2021 di pattinaggio artistico in programma questo fine settimana alla Megasport Arena di Mosca (Russia), emerge – e sarà un leitmotive di tutta la rassegna – l’instabilità gerarchica interna della specialità individuale maschile. La gara sarà infatti il primo, vero, banco di prova per tanti atleti, uno tra tutti, l’attesissimo Mikhail Kolyada, ritornato finalmente sulle scene dopo i lunghi mesi di stop forzati causati dalla sinusite cronica.

Il nativo di San Pietroburgo, passato da pochi mesi alla scuola del Maestro Mishin, ha sfoggiato un’ottima condizione fisica trionfando agilmente sia alla terza tappa della Coppa di Russia, quella di Sochi, sia all’Ice Star di Minsk (Bielorussia): in entrambi gli appuntamenti il russo ha completato senza patemi quanto pianificato, atterrando nel complesso quadrupli toeloop di grande qualità e dimostrando nuovamente in linea generale un grande pattinaggio: la medaglia di bronzo ai Mondiali del 2018 sta inoltre ripristinando in allenamento il quadruplo lutz, elemento con cui sta alzando sempre di più le percentuali di realizzazione. Nonostante non ci siano indicazioni riguardo ipotetici tentativi del salto proprio al Grand Prix, Kolyada per riuscire a imporsi dovrà eseguire ancora una volta due programmi privi di errori. Anche perché la concorrenza, di certo, non mancherà.

Saranno non a caso della partita Dmitri Aliev, Campione d’Europa in carica oltre che giovani talenti in ascesa come Andrei Mozalev, oro iridato ai Mondiali Junior 2020 di Tallinn che ha aggiunto al suo arsenale un salto di grande importanza come il quadruplo flip, Petr Gumennik (bronzo a Tallinn) e pattinatori sempre competitivi come Makar Ignatov e il georgiano di stanza alla Sambo 70 Morisi Kvitelashvili. Forfait dell’ultimo minuto invece per Alexander Samarin, fuori per infortunio.

Da menzionare infine la non banale presenza di Artem Kovalev, atleta dell’Accademia di Evgenii Plushenko che abbiamo imparato a conoscere in questo ultimo periodo grazie alle due vittorie consecutive in Coppa Di Russia, precisamente nell’evento inaugurale di Syzran e in quello di Mosca.

CLICCA QUI PER CONOSCERE IL PROGRAMMA DELLA ROSTELECOM CUP 2020

[sc name=”banner-article”]

LA NOSTRA STORIA 

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI PATTINAGGIO ARTISTICO

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Tennis: Roger Federer, 1000 settimane in top 20. Oltre 19 anni al vertice per lo svizzero

Ciclismo, Patrick Lefevere su Remco Evenepoel: “Speriamo di vincere con lui il Tour de France entro cinque anni”