Ginnastica, gli Assoluti rilanciano l’Italia. Fate al top, le azzurre illuminano i tricolori. E le Olimpiadi…

In un anno senza grandi eventi internazionali a causa dell’emergenza sanitaria (Olimpiadi rinviate, Europei sull’orlo della cancellazione e comunque senza la partecipazione degli azzurri), i Campionati Italiani Assoluti hanno rivestito un’importanza capitale per la stagione agonistica delle ginnaste di prima fascia. L’Italia era lanciatissima dopo la medaglia di bronzo conquistata nella gara a squadra dei Mondiali 2019: la nostra Nazionale puntava dritta ai Giochi Olimpici con l’obiettivo di salire sul podio a cinque cerchi, ma purtroppo la pandemia ha frenato le Fate proprio sul più bello. Frenate, non fermate. Un incidente di percorso che non ha comunque scalfito il gruppo guidato da Enrico Casella: ci si è compattate in questi mesi a Brescia e il fatto di vivere insieme ha indubbiamente aiutato le ragazze a superare questo momento complicato.

Allenarsi senza un obiettivo importante nell’immediato futuro non è stata sicuramente semplice e le motivazioni potevano non essere delle migliori, ma le azzurre si sono presentate al PalaVesuvio di Napoli in buona forma fisica e hanno offerto dell’ottima ginnastica artistica. Esercizi leggermente semplificati, qualche sbavatura qua e là, prestazioni complessivamente interessanti e buoni punteggi (tra l’altro non gonfiati dai bonus della Serie A, dunque con anche un certo respiro internazionale che non fa male in vista del 2021). Le Fate possono tornare a Brescia con il sorriso sulle labbra e possono già concentrarsi sul prossimo appuntamento, tra due settimane andranno a caccia dello scudetto con la loro Brixia, sempre a Napoli, protagonista assoluta di questo autunno della ginnastica (gli organizzatori della Ginnastica Campania 2000, la Federazione e le amministrazioni locali hanno creduto in questa serie di eventi, nonostante il particolare momento che l’intero Paese sta attraversando).

Giorgia Villa e Asia D’Amato hanno condiviso il gradino più alto del podio nel concorso generale individuale, Campionesse d’Italia a pari merito e con appena cinque centesimi di vantaggio su Martina Maggio. Un trono per due, con il minimo margine nei confronti della terza classificata: non era mai successo in 81 edizioni della massima kermesse tricolore. La bergamasca ha poi conquistato i titoli di specialità alle parallele asimmetriche (il quarto consecutivo!) e al corpo libero, la genovese si è confermata al volteggio (quarto sigillo in carriera), mentre la brianzola si è imposta alla trave dopo l’affermazione del 2018. Il 14.000 al quadrato di Giorgia Villa, il 14.600 sugli staggi e il 14.750 al volteggio di Alice D’Amato (non ha conquistato trofei in questo weekend, ma la partenza a razzo di sabato è stata fantastica), il 14.100 di Martina Maggio alla trave sono i risultati tecnici di maggiore rilievo.

Ma c’è tanto di più. L’avere ritrovato Martina al top sui quattro attrezzi (crescita esponenziale alle parallele, esecuzione magistrale alla trave), l’avere confermato il tasso tecnico di Giorgia e delle due gemelle (al netto di qualche caduta e sbavatura, che ci può stare viste le poche gare disputate nel 2020), l’avere coccolato il debutto agli Assoluti della 14enne Angela Andreoli (bronzo al volteggio e al corpo libero, attenzione a questa formidabile ragazzina) sono i flash migliori di questi Assoluti. Il tutto considerando l’assenza di Desiree Carofiglio ed Elisa Iorio, entrambe infortunate e protagonista del podio iridato di 13 mesi fa. Mancavano anche Vanessa Ferrari (tornerà nel 2021, ha ripreso ad allenarsi sui quattro attrezzi) e Lara Mori.

Sul fronte maschile il pokerissimo annunciato di Ludovico Edalli nel concorso generale individuale e tantissimi giovani che si sono messi in bella luce sia sui sei attrezzi che nelle singole specialità, nomi ancora da svezzare e da fare crescere in vista del prossimo futuro. Peccato per l’assenza di alcuni big, tra cui quella di Marco Lodadio, argento mondiale agli anelli: il laziale è in recupero da un intervento chirurgico, ma si sta preparando al meglio per le Olimpiadi.

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE DI GINNASTICA ARTISTICA

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto LM-LPS/Filippo Tomasi

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

F1, Fernando Alonso: “Non temo di avere le stesse difficoltà di Schumacher quando ritornò nel Circus. Saprò stupire”

Nuoto, ISL 2020: nono match (prima sessione). Energy Standard davanti a tutti, Benedetta Pilato vittoriosa nei 50 rana