Vuelta a España 2020, la tappa di oggi Castro Urdiales-Suances: percorso, altimetria, favoriti. Ancora un arrivo per ruote veloci

Altra giornata senza troppi patemi per gli uomini di classifica della Vuelta a España 2020. Quest’oggi, venerdì 30 ottobre, si corre la Castro Urdiales-Suances di 185 chilometri; una tappa che attraversa la costa cantabrica, che di primo acchitto potrebbe sembrare dedicata esclusivamente alle ruote veloci. Ma il finale potrebbe sconvolgere le carte e rivelarsi terreno assai fertile per i finisseur.

LIVE Vuelta a España 2020, la tappa di oggi in DIRETTA: tracciato mosso per attaccanti! Finale insidioso

PERCORSO

Decima tappa che vede un solo Gran Premio della Montagna, l’Alto de San Cipriano di terza categoria (4,3 chilometri e pendenza media del 5%), lontano 60 chilometri dal traguardo. Dieci chilometri dopo ci sarà lo sprint intermedio di giornata a Cabezón de la Sal; poi si procederà fino all’arrivo di Suances, in una giornata caratterizzata da tanti piccoli saliscendi. Gli ultimi due chilometri prevedono una pendenza del 5%, che potrebbe impensierire i velocisti puri: le loro chance di vittoria dipenderanno dalla loro capacità di rimanere in gruppo nel momento decisivo.

ALTIMETRIA

FAVORITI

Se dovessimo parlare di una normale volata, sicuramente il principale favorito sarebbe Sam Bennett. Il velocista della Deceuninck-Quick Step è arrivato primo in entrambi gli sprint di gruppo, seppur ha visto il successo a Aguilar de Campoo volar via a causa di una sua scorrettezza durante il setting della volata regalando così la passerella a Pascal Ackermann (Bora-Hansgrohe). Ma il finale della tappa, in leggera salita negli ultimi due chilometri, potrebbe favorire quei corridori in possesso della cosiddetta ‘sparata’: occhio dunque agli attacchi per anticipare l’eventuale volata, con lente di ingrandimento puntata su Enrico Gasparotto (NTT Pro Cycling), Niki Terpstra (Total Direct Energie), Luis Leon Sanchez (Astana) e chissà, magari anche Zdenek Stybar, che potrebbe avere via libera se il suo capitano Bennett non riuscisse ad arrivare nel gruppo giusto. Ovviamente possono dire la loro anche quei velocisti capaci di resistere in brevi tratti di salita, come Magnus Cort Nielsen (EF Pro Cycling) e Alex Aranburu (Astana). E chissà se dalle parti del tricolore non possano provarci Davide Formolo o Andrea Bagioli…

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram

Clicca qui per mettere Mi piace alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Alvaro Bueno/Shutterstock.com

 

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Infortunio Jannik Sinner: cosa si è fatto e quando tornerà in campo. Obiettivo Sofia

Ciclismo, Domenico Pozzovivo operato per un’infezione al gomito. La moglie: “Rischiava la cancrena”