Vuelta a España 2020: chi parteciperà? I big al via: Froome vuole tornare grande. Presente la coppia Roglic-Dumoulin e c’è anche Carapaz

Ci saranno diversi grandi del ciclismo mondiale al via della Vuelta a España 2020 che inizierà tra otto giorni da Irun. Sarà, innanzitutto, l’ultima corsa della carriera di Chris Froome con la casacca del Team Ineos dopo dieci anni costellati di successi. Siccome il kenyano, però, date le prestazioni recenti, non offre le giuste garanzie per essere il leader del team, al suo fianco troveremo anche Richard Carapaz.

La Ineos, ad ogni modo, dovrà vedersela, prima di tutto, con l’ormai consolidata coppia della Jumbo-Visma composta da Tom Dumoulin e dal fresco vincitore della Liegi-Bastogne-Liegi Primoz Roglic. Si affiderà addirittura a un tridente, invece, la EF Education First, che sarà guidata dai colombiani Rigoberto Uran e Daniel Martinez e dal canadese Michael Woods. Sarà presente anche il secondo classificato della scorsa edizione, Alejandro Valverde, il quale condividerà i gradi di capitano con Enric Mas, quinto all’ultimo Tour e secondo alla Vuelta proprio due anni fa.

Alla Vuelta, oltretutto, tornerà in gara anche il leader maximo della Groupama-FDJ: Thibaut Pinot. Il transalpino, peraltro, potrà contare sul suo fedele scudiero David Gaudu. Un altro francese che punterà alla top-10 sarà Guillaume Martin della Cofidis, il quale al Tour de France è calato alla distanza dopo essere andato fortissimo nei primi dieci giorni.

Formazione competitiva su più fronti per la Bora-Hansgrohe: Emanuel Buchmann andrà a caccia del podio finale, mentre Pascal Ackermann proverà a vincere quante più tappe per velocisti possibile. Si appoggia a Davide Formolo, invece, la UAE Team Emirates, la quale, inoltre, dovrebbe portare anche un Fabio Aru giunto ormai all’ultima occasione per riscattarsi dopo tre anni da incubo.

luca.saugo@oasport.it

Twitter: @LucaSaugo

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

F1, Helmut Marko su Mick Schumacher: “Credo che guiderà l’Alfa Romeo l’anno prossimo insieme a Raikkonen”

Giro d’Italia 2020, Domenico Pozzovivo: “Sono vecchio, ma mi difendo ancora…La condizione è ottima”