Tennis, ATP Anversa 2020: volano ai quarti Raonic, Khachanov e Giron. Eliminato Goffin

Si è appena conclusa la quarta giornata del torneo ATP 250 di Anversa. La grande sorpresa è stata la sconfitta del numero 1 del seeding David Goffin che ha ceduto davanti alla grinta dello statunitense Marcos Giron. Il tennista di casa, uno dei grandi favoriti alla vittoria finale, ha pagato a caro prezzo il bassissimo numero di prime messe in campo, solo il 48%, e il solo 38% di break point sfruttati contro il 77% dell’avversario.

Ad aprire la giornata odierna la vittoria in due set 7-5 7-6(4) di Milos Raonic contro il britannico Cameron Norrie. Il canadese ha impostato la partita, come di consueto, sulla solidità del proprio servizio non a caso ha ottenuto l’89% di punti quando è riuscito a mettere la prima in campo, mettendo a segno ben 19 ace. Il numero 70 del ranking ATP ha provato a replicare con le proprie capacità di palleggiatore senza però riuscire ad opporsi a Raonic che è stato capace di gestire meglio i momenti cruciali della sfida.

Grande equilibrio anche nel match tra Taylor Fritz Lloyd George Harris. Il sudafricano ha staccato il pass per i quarti di finale vincendo 7-5 7-6(3). Il gioco dello statunitense è stato pesantemente condizionato dal basso numero di prime messe in campo, solo il 59%. Il numero 90 del mondo al prossimo turno dovrà affrontare Ugo Humbert.

Vittoria sofferta in rimonta per Karen Khachanov che si è imposto sul tennista di casa Zizou Bergs. Il russo dopo essere andato sotto nel primo set 7-5 è stato capace di ribaltare la situazione vincendo i due seguenti parziali con il punteggio di 6-4. Il numero 17 del ranking ATP ai quarti troverà il britannico Daniel Evans.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DEL TENNIS

salvatore.serio@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Shutterstock

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Hockey ghiaccio, Alps League 2020-2021: Val Pusteria supera Vipiteno al supplementare, disfatta per il Renon

Basket, Eurolega 2020-2021: un sontuoso Daniel Hackett non basta al CSKA Mosca. Sorridono Valencia e Panathinaikos