Rugby, Sei Nazioni 2020: Italia-Inghilterra, i giovani azzurri contro il mostro sacro

Si chiude questo sabato il Guinness Sei Nazioni più lungo della storia e in corsa per il titolo ci sono ancora Irlanda, Francia e Inghilterra. Se domani sera le prime due si sfideranno in uno scontro diretto, nel tardo pomeriggio l’Inghilterra è obbligata a vincere e a farlo con un punteggio larghissimo per provare a rimontare sull’Irlanda. E l’avversaria dei ragazzi di Eddie Jones è l’Italia.

Gli azzurri arrivano all’appuntamento dopo il pesante ko subito in Irlanda e oggettivamente il pronostico è nettamente a favore degli ospiti. L’inferiorità nei punti d’incontro, i limiti palla in mano e i troppi errori in difesa visti a Dublino sono i problemi atavici per i ragazzi di Franco Smith e servirà un cambio di marcia profondo per poter quantomeno mettere in difficoltà l’Inghilterra. Rispetto all’Irlanda il ct sudafricano ha ritrovato Matteo Minozzi, che lo scorso weekend era impegnato nella finale della Premiership inglese, dando al tecnico un’opzione importante nel triangolo allargato.

Ed è proprio Matteo Minozzi l’unica notizia nel XV titolare dell’Italia, con Franco Smith che dà fiducia dunque al gruppo uscito sconfitto da Dublino. L’Inghilterra, invece, si presenta con una formazione esperta, con un pack di assoluto livello dove, però, entra l’esordiente Jonny Hill in seconda linea. Ma è comunque una squadra forte che non nasconde, come nelle parole di Jones alla vigilia, da un lato un rispetto per il XV italiano, ma dall’altra evidenzia la necessità di una vittoria netta per gli inglesi.

ITALIA – INGHILTERRA
ITALIA: 15 Matteo Minozzi, 14 Edoardo Padovani, 13 Luca Morisi, 12 Carlo Canna, 11 Mattia Bellini, 10 Paolo Garbisi, 9 Marcello Vioili, 8 Jake Polledri, 7 Braam Steyn, 6 Sebastian Negri, 5 Niccolò Cannone, 4 Marco Lazzaroni, 3 Giosuè Zilocchi, 2 Luca Bigi, 1 Danilo Fischetti
In panchina: 16 Gianmarco Lucchesi, 17 Simone Ferrari, 18 Pietro Ceccarelli, 19 David Sisi, 20 Johan Meyer, 21 Maxime Mbanda, 22 Guglielmo Palazzani, 23 Federico Mori
INGHILTERRA: 15 George Furbank, 14 Anthony Watson, 13 Jonathan Joseph, 12 Henry Slade, 11 Jonny May, 10 Owen Farrell, 9 Ben Youngs, 8 Billy Vunipola, 7 Sam Underhill, 6 Tom Curry, 5 Jonny Hill 4 Maro Itoje, 3 Kyle Sinckler, 2 Jamie George, 1 Mako Vunipola
In panchina: 16 Tom Dunn, 17 Ellis Genge, 18 Will Stuart, 19 Charlie Ewels, 20 Ben Earl, 21 Dan Robson, 22 Ollie Lawrence, 23 Ollie Thorley

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI RUGBY

duccio.fumero@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Ettore Griffoni – LPS

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Inghilterra Nazionale Italiana Rugby Sei Nazioni 2020

ultimo aggiornamento: 30-10-2020


Lascia un commento

Basket femminile: anche Campobasso-Sassari rinviata, coach Restivo e il suo vice tra i positivi al Covid-19 della Dinamo

Percorso Giro d’Italia 2021, partenza dal Sud e tante montagne? Stelvio, Lussari, Fauniera. Si ricorda Dante