Pattinaggio artistico: Rebecca Ghilardi-Filippo Ambrosini vincono in scioltezza la prima tappa del Gran Premio Italia 2020, secondi Conti-Macii

Con il programma libero delle coppie è calato il sipario all’IceLab Arena di Bergamo, impianto sportivo che è stato teatro questa settimana della tappa inaugurale del Gran Premio Italia 2020, la competizione interna di pattinaggio artistico fortemente voluta dalla FISG per venire incontro alle esigenze della Nazionale italiana, penalizzata da un calendario internazionale traballante e condizionato dalle cancellazioni causate dall’emergenza sanitaria. Nell’atto conclusivo a fare la voce grossa sono stati come da pronostico Rebecca Ghilardi-Filippo Ambrosini, i quali si sono imposti agilmente anche nel segmento più lungo.

Gli azzurri, seppur con alcune sbavature negli elementi di salto in parallelo, hanno nuovamente dato prova del loro aumento in termini di percentuali di realizzazione, ben eseguendo il triplo twist e i due lanciati, il triplo rittberger e il triplo lutz, sfoggiando inoltre solidità nei tre sollevamenti, reverse, axel lasso e del gruppo tre. Grazie a quanto espresso sul ghiaccio i pattinatori allenati da Franca Bianconi e Rossana Murante hanno dunque ottenuto 104.81 (50.54, 54.27) per 159.03 punti totali.

E a proposito di crescita bella prova per la giovane coppia formata da Sara Conti-Niccolò Macii, i quali hanno realizzato un libero da 87.59 (39.18, 48.31) per 138.82, superando senza particolari patemi gli spagnoli Dorota Broda-Pedro Betegon, terzi con 82.22 (41.55, 42.67) per 122.18.

Le coppie saranno nuovamente presenti il 28 e il 29 novembre sul ghiaccio di Egna, impianto sportivo che ospiterà la terza tappa del circuito.

CLASSIFICA FINALE COPPIE D’ARTISTICO

1 Rebecca GHILARDI / Filippo AMBROSINI ITA 159.03 1 1
2 Sara CONTI / Niccolo’ MACII ITA 138.82 2 2
3 Dorota BRODA / Pedro BETEGON ESP 122.18 3 3

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI PATTINAGGIO ARTISTICO

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

MotoGP, pagelle GP Teruel 2020: Morbidelli non sbaglia nulla, Mir solido, affondano Quartararo e Dovizioso

Vincenzo Nibali: “Un anno difficile. Il risultato del Giro d’Italia va accettato, diverso dalle attese”. E sul futuro…