MotoGP, Pagelle GP Francia 2020: Petrucci sfrutta l’occasione, Dovizioso si mangia le mani. Quartararo fortunato

Un pazzo Gran Premio di Francia 2020 è andato in archivio a Le Mans con l’incredibile trionfo sul bagnato di Danilo Petrucci con la Ducati. Lo scroscio di pioggia arrivato sul circuito pochi minuti prima del via ha stravolto la situazione, affossando il leader del Mondiale Fabio Quartararo e favorendo in primis le Ducati oltre ad alcuni specialisti come per esempio Pol Espargaro su KTM. Grande occasione persa da parte di Andrea Dovizioso, ai piedi del podio, mentre Valentino Rossi è uscito di scena alla prima staccata mettendo a referto il terzo zero di fila. Di seguito le pagelle del GP di Francia 2020 di MotoGP:

PAGELLE GRAN PREMIO DI FRANCIA 2020 – MOTOGP

Danilo Petrucci 10: Weekend sensazionale per il ternano, che sfrutta nel migliore dei modi l’occasione di una gara bagnata (ma anche sull’asciutto poteva lottare per il podio) per conquistare il secondo successo della carriera nella top class dopo lo storico primo trionfo del Mugello nel 2019. Grande feeling fin dai primi giri e poi ottima gestione della leadership nonostante la pressione di Dovizioso prima e Marquez poi.

Alex Marquez 9,5: Per distacco la sua miglior prestazione dell’anno nella stagione da rookie in MotoGP. Finalmente un lampo da parte del campione del mondo in carica della Moto2, che dimostra tutto il suo talento sul bagnato grazie ad una progressione sensazionale a suon di giri veloci che si è interrotta a poco più di 1″ dalla vittoria sul traguardo.

Pol Espargaro 8: Si conferma uno specialista assoluto in condizioni di pista bagnata, ottenendo un bel terzo posto dopo il primo podio con KTM ottenuto a Valencia nel 2018 sotto un vero e proprio diluvio. Lo spagnolo si rende protagonista di una gara solida ed in progressione, ma resta il rammarico per una rimonta cominciata con qualche giro di ritardo per poter ambire addirittura al primo posto.

Andrea Dovizioso 5,5: Fallisce un’occasione d’oro per fare un passo avanti fondamentale nel Mondiale, perdendo il confronto diretto sul bagnato con il compagno di squadra Petrucci e facendosi scavalcare nel finale anche da Marquez e Pol Espargarò. Il quarto posto odierno, in un contesto estremamente favorevole, lo tiene a galla nella lotta per un titolo che resta però virtualmente nelle mani di altri.

Fabio Quartararo 5: Favorito indiscusso per la vittoria nel GP di casa fino a pochi minuti dal via, quando la pioggia distrugge improvvisamente le sue ambizioni di gloria. Bravo e fortunato nel limitare i danni in campionato, alla luce di un podio formato da tre piloti fuori classifica, ma la sua prestazione odierna è disastrosa ad eccezione della partenza e dell’ultimo giro, in cui respinge con successo l’attacco di Mir e Vinales.

Maverick Vinales 6: Gara senza infamia e senza lode per lo spagnolo, che va in difficoltà come tutti gli altri piloti Yamaha in queste condizioni. Rispetto a Quartararo, paga dazio anche a causa dell’incidente al primo giro di Valentino Rossi scivolando in fondo al gruppo nel tentativo di evitare il compagno di squadra.

Joan Mir 6,5: Prima parte di gara disastrosa, senza ritmo, poi si accende come di consueto col passare dei giri sfruttando al meglio la gomma rain media per portare a casa qualche punticino fondamentale in ottica iridata. Raggiunge nel finale Quartararo e Vinales, ma esce sconfitto dal duello a tre restando comunque assolutamente a contatto con la vetta del campionato (distante adesso 10 punti).

Jack Miller 7: Sfortunatissimo. Si esalta sul bagnato e tiene agevolmente il passo di Dovizioso e Petrucci nel terzetto in testa alla gara fino al momento del guasto meccanico che lo costringe al ritiro e probabilmente ad abbandonare definitivamente le sue chance di titolo.

erik.nicolaysen@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

MotoGP, Maverick Vinales: “Con un giro in più avrei passato Quartararo, perdo solo un punto, poteva andare peggio”

F1, Carlos Sainz: “È scappata un’occasione per lottare per il podio, non mi sentivo a mio agio con la macchina”