MotoGP, Fabio Quartararo la formichina. Guadagnati punti pesanti su Vinales e Mir con un ultimo giro di carattere

Poteva essere la giornata dell’allungo più o meno definitivo nel Mondiale ed invece la pioggia ha cambiato completamente lo scenario presente nella mente di Fabio Quartararo, costretto improvvisamente a cambiare approccio per limitare i danni in condizioni diventate decisamente sfavorevoli proprio a pochi minuti dal via della sua gara di casa (poteva diventare il primo pilota transalpino a vincere il GP di Francia in MotoGP). Sul bagnato il nizzardo classe 1999 fa ancora molta fatica al suo secondo anno in top class, perciò era abbastanza prevedibile il fragoroso ed inevitabile crollo in classifica rispetto alla pole position ottenuta sabato sull’asciutto.

Il portacolori di Yamaha Petronas, in grandissima difficoltà sul ritmo per la quasi totalità della corsa, si è però ben comportato in due fasi molto delicate come la partenza ed il duello a tre conclusivo nell’ultimo giro con i suoi rivali per il campionato salvando di fatto il bilancio finale del weekend in termini di punteggio. Certo, la prestazione del Diablo resta oltremodo negativa considerando la prima posizione in griglia ed il nono posto al traguardo (con cadute o problemi tecnici di diversi piloti che si trovavano davanti), ma va evidenziata la capacità di limitare i danni in una domenica che poteva rivelarsi ben più pesante per le sue quotazioni iridate.

Alex Rins, Franco Morbidelli, Valentino Rossi e soprattutto Jack Miller (era in lotta per la vittoria, può fare un gran finale di stagione) hanno messo a referto uno zero, mentre Andrea Dovizioso ha perso una grandissima occasione arrivando ai piedi del podio in un Gran Premio che in caso di vittoria lo avrebbe proiettato nuovamente in piena corsa per il Mondiale. Quartararo è stato poi molto bravo e deciso nel momento più delicato della sua gara, rispondendo immediatamente con un bellissimo contrattacco quando si è visto scavalcare dalla Suzuki di Joan Mir nell’ultimo giro.

Il leader del campionato ha reagito in maniera decisa e aggressiva dimostrando presenza di spirito, una qualità estremamente importante per un pretendente al titolo in una stagione così tirata ed imprevedibile. In fin dei conti il Gran Premio di Francia si è chiuso con un sostanziale nulla di fatto (ma una gara in meno da disputare) nel duello a tre per la vetta della generale, con Quartararo che ha comunque guadagnato un punto su Maverick Vinales e due punti su Mir facendo un piccolo passo avanti verso il trionfo finale.

erik.nicolaysen@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

MotoGP, Fabio Quartararo: “Era una gara difficile per noi, importante fare punti”

F1, Charles Leclerc 7°: passo indietro dopo le qualifiche, la Ferrari fatica ancora in gara