Giro d’Italia 2020, Filippo Ganna domina e si prende la maglia rosa! Vincenzo Nibali perde 1’06” da Thomas

Filippo Ganna è davvero imbattibile a cronometro. Il campione del mondo in carica della specialità, dopo essersi preso il titolo iridato una settimana fa in quel di Imola, timbra nuovamente il cartellino: il piemontese va a vincere la prova contro il tempo valida come prima tappa del Giro d’Italia 2020. 15,1 chilometri da Monreale a Palermo volati per la stella della INEOS Grenadiers che coglie un altro grande obiettivo, agguantando la Maglia Rosa: il Bel Paese torna a vestire il simbolo del primato ad un anno di distanza da quella indossata da Valerio Conti nel 2019.

Primo tratto in breve salita, poi discesa velocissima, con Ganna che ha toccato oltre 100 km/h, e tanta pianura, con l’azzurro che ha praticamente bruciato l’asfalto alla media di 58,8 km/h, chiudendo con il tempo di 15 minuti e 24 secondi. Nessun rivale si è riuscito ad avvicinare al campione iridato. Alle sue spalle subito due grandi sorprese, a pari tempo, staccati di 22”: si tratta dei giovani Joao Almeida (Deceuninck Quick-Step) e Mikkel Bjerg (UAE-Team Emirates). Da sottolineare che il vento e le curve difficili poste sul percorso siciliano hanno creato non pochi problemi ad alcuni dei protagonisti attesi come Rohan Dennis e Victor Campenaerts. Nella top-5 Geraint Thomas (INEOS Grenadiers), quarto, e Tobias Foss (Team Jumbo-Visma), quinto.

Subito segnali importanti in chiave classifica generale. Il già citato Thomas, com’era prevedibile, è il migliore e guadagna tantissimo sugli avversari diretti: il britannico della INEOS guadagna 26” su Simon Yates (Mitchelton-SCOTT), 1’06” su Vincenzo Nibali (Trek Segafredo), 1’21” su Steven Kruijswijk (Jumbo-Visma) e 1’24” su Jakob Fuglsang (Astana).

Da segnalare la brutta caduta di Miguel Angel Lopez (Astana), costretto al ritiro. Domani seconda frazione da Alcamo ad Agrigento di 149 chilometri, con un arrivo favorevole agli scattisti.

gianluca.bruno@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Giro d’Italia 2020: Miguel Angel Lopez costretto al ritiro a causa di una caduta nella cronometro

Giro d’Italia 2020, la classifica dei favoriti: Geraint Thomas guadagna su tutti, Vincenzo Nibali a 1’06”