Ginnastica, World Challenge Cup: si gareggia dopo il lockdown. Devai, Varinska e Radivilova in luce

La ginnastica artistica è tornata protagonista nel weekend dopo una lunghissima assenza dovuta all’emergenza sanitaria. In Italia sono andati in scena i Campionati Nazionali riservati alle allieve (classi 2010-2012), mentre a Szombathely (Ungheria) si è svolta una tappa della World Challenge Cup (l’unica gara di questa stagione per il terzo circuito mondiale a livello di importanza). Si trattava del primo appuntamento internazionale dopo quasi sette mesi, era da inizio marzo che non si gareggiava (la tappa della Coppa del Mondo di specialità a Baku venne interrotta dopo le qualificazioni).

Il parterre era molto ridotto e privo di grandissime stelle. Da segnalare la vittoria dell’ungherese Boglarka Devai al volteggio (la Campionessa d’Europa di specialità nel 2018 si è imposta con 13.950 grazie a un doppio avvitamento e a un Lopez). Spiccano i sigilli degli ucraini Igor Radivilov e Petro Pakhniuk tra tavola (14.150) e parallele pari (14.950). Il croato Tin Sbric ha festeggiato alla sbarra (14.650 per il già Campione del Mondo).

Bel corpo libero della polacca Marta Pihan-Kulesza sulle note di “Vogue” di Madonna, argento (12.900) alle spalle dell’ucraina Angelina Radivilova (13.200), mentre l’altra ucraina Diana Varinska si è imposta alle parallele asimmetriche con un discreto 13.400. Di seguito tutti i podi della World Challenge Cup di ginnastica artistica a Szombathely.

PODI WORLD CHALLENGE CUP SZOMBATHELY:

MASCHILE

Corpo libero

  1. Rok Klavora (SLO) 14.000
  2. Ilyas Azizov (KAZ) 14.000
  3. Petro Pakhniuk (UKR) 13.900

Cavallo con maniglie

  1. Nariman Kurbanov (KAZ) 14.600
  2. Robert Seligman (CRO) 14.350
  3. Matvei Petrov (ALB) 14.050

Anelli

  1. Vinzenz Hoeck (AUT) 14.150
  2. Igor Radivilov (UKR) 13.800
  3. Yevgen Yudenkov (UKR) 13.750

Volteggio

  1. Igor Radivilov (UKR) 14.150
  2. Ondrej Kalny (CZE) 14.150
  3. Sebastian Gawronski (POL) 14.025

Parallele pari

  1. Petro Pakhniuk (UKR) 14.950
  2. Milad Karimi (KAZ) 14.300
  3. Yevgen Yudenkov (UKR) 14.100

Sbarra

  1. Tin Srbic (CRO) 14.650
  2. Milad Karimi (KAZ) 14.150
  3. David Vecsernyes (HUN) 14.000

FEMMINILE:

Volteggio

  1. Boglarka Devai (HUN) 13.950
  2. Anastasia Motak (UKR) 13.775
  3. Angelina Radivilova (UKR) 13.650

Parallele asimmetriche

  1. Diana Varinska (UKR) 13.400
  2. Lara Marie Hinsberger (GER) 12.800
  3. Lisa Zimmermann (GER) 12.700

Trave

  1. Christina Zwicker (CRO) 12.800
  2. Elina Vikrova (LAT) 12.250
  3. Aneta Holasova (CZE) 12.100

Corpo libero

  1. Angelina Radivilova (UKR) 13.200
  2. Marta Pihan-Kulesza (POL) 12.900
  3. Lisa Zimmermann (GER) 12.800

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE DI GINNASTICA ARTISTICA

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Superbike, Scott Redding: “Il gap con Rea resta grande, ma può succedere di tutto. Lotteremo fino alla fine”

Tennis, segnali incoraggianti per Roger Federer. Lo svizzero dovrebbe partecipare agli Australian Open 2021