Calcio, protesta dei club di Serie B verso il Governo per i problemi economici legati al Covid-19



La questione economica, legata all’emergenza sanitaria, è tra gli aspetti a tenere banco in Italia e nel mondo. La diffusione del famigerato Covid-19 è causa di grosse criticità sul fronte della produzione e tanti settori sono in difficoltà.

Lo sport non fa eccezione. C’è tanta preoccupazione per la sopravvivenza della società sportive e anche nel calcio questo clima di tensione è ben presente. Si parla di rischio collasso e sono i club di Serie B a far sentire la loro voce. Su tutti i campi della sesta giornata del campionato cadetto, i dipendenti delle compagini esporranno infatti nelle gradinate degli stadi, in concomitanza con l’inizio delle partite, uno striscione con scritto: “Non lasciate morire il calcio degli italiani“. Il target è quello di avere una risposta dal Governo in termini di provvedimenti, senza i quali i danni per dipendenti, fornitori, collaboratori e gestori di servizi sono notevoli.

Loading...
Loading...

Mauro Balata, presidente della Serie B, ha dichiarato in tal senso: “Oggi i club della Serie BKT si mobilitano per difendere le donne e gli uomini dell’universo della B. Un appello alla sensibilità delle istituzioni affinché possano essere adottati strumenti opportuni e necessari per evitare che la crisi cancelli il calcio degli italiani’”. Si attendono, a questo punto, risposte dall’Esecutivo.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI CALCIO

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Loading...

One Reply to “Calcio, protesta dei club di Serie B verso il Governo per i problemi economici legati al Covid-19”

  1. OLIMPIONICO ha detto:

    Il Calcio e’ uno Sport per privilegiati, dove quasi tutti i lavoratori hanno stipendi dignitosi. Occorre una bella faccia tosta ad osare protestare ! In quest’ ora drammatica bisogna pensare ai trasporti, ed alla sanita’, agli anziani ed a gli invalidi che sopravvivono con pochi Euro !

Lascia un commento

scroll to top