Basket: Yelena Leuchanka, la star WNBA bielorussa dalla gloria alle proteste e all’arresto

Nella giornata di ieri, la maggiore delle stelle del basket bielorusso dell’era moderna, Yelena Leuchanka, è stata tratta in arresto, ufficialmente, per violazione dell’ordine di organizzare eventi di massa e insubordinazione agli agenti di polizia. Il tutto nell’ambito delle proteste che, da settimane, stanno divampando in Bielorussia in seguito ai risultati delle elezioni presidenziali del 9 agosto, che hanno confermato alla guida del Paese Alexander Lukashenko, l’uomo che lo guida da 26 anni, cioè sostanzialmente dalla sua formazione, tant’è che è stato definito da più parti “l’ultimo dittatore d’Europa”.

Leuchanka non è una giocatrice qualsiasi del movimento bielorusso: dopo aver fatto la trafila del college, cambiandone tre, è stata più volte in WNBA con Washington Mystics e Atlanta Dream, ed ha inoltre avuto la possibilità di militare in tutte le maggiori compagini europee, da Ekaterinburg al Galatasaray, per poi costruirsi un buonissimo finale di carriera in Cina. Con la selezione nazionale della Bielorussia ha vinto la medaglia di bronzo agli Europei del 2007, disputati in Abruzzo con le finali a Chieti, giocando anche le Olimpiadi di Pechino 2008.

Il suo arresto fa rumore per lo status della giocatrice, ma anche perché è una tra le quasi 600 personalità dello sport che, in Bielorussia, hanno firmato una lettera aperta che richiedeva nuove elezioni libere e il termine delle violenze perpetrate dalla polizia, minacciando di non rappresentare più il proprio Paese se questa situazione si dovesse continuare a mantenere. Leuchanka è stata arrestata quando si trovava in aeroporto a Minsk, e la pena detentiva è della durata di due settimane, ed è anche una delle voci più attive del dissenso nei confronti di Lukashenko.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL BASKET

federico.rossini@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Credit: Ciamillo

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Yelena Leuchanka

ultimo aggiornamento: 01-10-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Giro d’Italia 2020, le 17 madrine della Corsa Rosa. Ambasciatrici dello sport azzurro: Kostner, Wierer, Brignone, Cagnotto…

Giro d’Italia 2020, Peter Sagan: “Mancano i tifosi, ma il Covid-19 passerà. Penso alla maglia ciclamino”