Volley, Perugia vince la Supercoppa Italiana! Leon da 31 punti batte Civitanova al tie-break dopo la mezzanotte


Perugia ha vinto la Supercoppa Italiana 2020 di volley maschile. I Block Devils hanno sconfitto Civitanova per 3-2 (22-25; 25-23; 25-19; 19-25; 16-14) dopo 142 minuti di autentica battaglia andati in scena all’AGSM Forum di Verona. La compagine umbra difende il titolo conquistato lo scorso anno e alza al cielo la terza Supercoppa della sua storia, mentre la Lube incappa ancora in una sconfitta nell’atto conclusivo di questa kermesse e non riesce a porre il suo quinto sigillo a sei anni di distanza dall’ultimo trionfo. La sfida tra le due grandi corazzate del nostro campionato è stata estremamente avvincente e appassionante, caratterizzata da continui ribaltoni e da un intenso livello di gioco, nonostante si sia soltanto all’inizio della nuova stagione.

A trascinare i ragazzi di coach Vital Heynen, in una partita finita dopo la mezzanotte, è stato uno straripante Wilfredo Leon: lo schiacciatore cubano-polacco ha messo a segno 31 punti (3 muri), risultando decisivo in tutti i frangenti. Si sono messi in evidenza anche lo schiacciatore Oleg Plotnytskyi (14 punti, 3 aces) e il centrale Sebastian Solé (12 punti, 5 muri), festeggiano anche il nuovo regista Dragan Travica, gli altri attaccanti Sharone Evans (7) e Thijs Ter Horst (6), il libero Massimo Colaci, mentre l’opposto Aleksandar Atanasijevic è ancora assente. Civitanova perde un atto conclusivo dopo aver vinto tutto nelle ultime due stagioni prima del lockdown, oggi non sono bastati Yoandy Leal (17 punti), Osmany Juantorena (12), Robertlandy Simon (14) e Simone Anzani (12, 4 muri) con la regia del grande ex Luciano De Cecco.

Loading...
Loading...

LA CRONACA DELLA PARTITA:

Civitanova parte a razzo nel primo set: errore al servizio di Leon, muro di Anzani su Plotnytskyi, errore in attacco dell’ucraino, mani-out di Rychlicki, pipe di Juantorena e primo tempo di Simon per il 6-1. La Lube riesce a controllare la situazione, Leal si infiamma con un ace e il suo opposto firma un paio di pipe interessanti per il 12-7. Simon stampa Solé, Leal si inventa un pallonetto e i marchigiani hanno in mano il pallino del gioco (16-9). Ter Horst entra per Perugia e si inventa un paio di punti (22-17), poi la Lube incappa in un quattro-tocchi e Leon pesca la parallela del 20-22. Civitanova non va in confusione, Leal e Simon scacciano la paura, poi la chiusura di Rychlicki.

Battaglia punto a punto nel secondo parziale fino al 12-12, poi Rychlicki commette un errore offensivo e Plotnytskyi si inventa l’ace del 14-12 per Perugia. I Block Devils riescono a conservare il break per un breve frangente, poi Anzani stampa Leon per ben due volte per il pareggio a quota 17. Inizia un nuovo testa a testa vibrante fino al 21-21, successivamente il primo tempo di Solé e una staffilata di Leon regalano nuovamente il doppio vantaggio agli umbri. Civitanova non molla e impatta a 23 con un primo tempo e un ace di Simon, ma poi il centrale cubano commette un errore e viene imitato da Rychlicki per la gioia di Perugia.

Perugia parte col turbo nella terza frazione: errore di Simon, ace di Plotnytskyi, muro di Travica su Rychlicki ed errore di Leal per il 4-0. I Block Devils conservano i quattro punti di vantaggio e poi allungano ulteriormente, sfruttando un errore in attacco di Juantorena e un ace spettacolare di Leon (9-3). La Lube non demorde e si fa sotto con un paio di magie di Leal e un fallo di Solé (8-12), poi un muro di Leon su Rychlicki e un errore difensivo del lussemburghese regalano il 16-12 agli umbri. La Sir rimane davanti, respinge brillantemente i tentativi di rientro degli avversari con un tonico Leon (anche se cade male sul 23-19), Ricci chiude con una schiacciata su Juantorena e porta Perugia sul 2-1.

Civitanova scappa subito via nel quarto set: un errore al servizio di Leon, un primo tempo di Anzani e un ace di Simon valgono il +4 (8-4). La Lube conserva bene il vantaggio con le giocate di Juantorena e il subentrato Hadrava si fa sentire con un murone su Leon, prima di un bel mani-out (19-16). Hadrava continua a picchiare forte, Anzani mura Plotnytskyi e Juantorena porta tutti al tie-break.

La frazione decisiva inizia con qualche errore di troppo al servizio da entrambe le parti (4-4), Perugia ha però una marcia in più e va al cambio campo sul +3 (8-5) grazie a una seconda di De Cecco, a un’invasione a rete di Juantorena e a un muro di Solé su Hadrava. Civitanova rimane comunque attaccata grazie a un buon Juantorena e l’errore in diagonale di Leon rianima i biancorossi (8-9). Leal mette giù l’ace del pareggio a quota 11 e si decide tutto nello sprint finale. Jiri Kovar si inventa un paio di recuperi miracolosi, ma Juantorena attacca in rete su alzata imprecisa di De Cecco (12-13). Perugia va al match-point sfruttando un’incomprensione nella metà campo della Lube, la Pantera riesce ad annullarlo (14-14). Solé mette giù il muro della vittoria (16-14).

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE DI VOLLEY

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto LM/LPS/Loris Cerquiglini

Loading...

Lascia un commento

scroll to top