Tour de France 2020: secondo capolavoro di Soren Kragh Andersen! Decimo Trentin

Una doppietta spettacolare, una vittoria più bella dell’altra. Dopo il colpo da finisseur di Lione, Soren Kragh Andersen ci ha preso gusto e trova il secondo successo al Tour de France 2020. In una diciannovesima tappa molto particolare, partita da Bourg-en-Bresse e giunta a Champagnole, un gruppetto si è avvantaggiato sul finale ed il danese della Sunweb ha beffato tutti anticipando la volata. Nessun problema per Primoz Roglic: resta solo la cronometro di domani prima del trionfo di Parigi.

Rispetto ai giorni precedenti, differente lo scenario nelle prime fasi di gara. Non c’è stata gran battaglia per centrare la fuga giusta: alla fine è andato via in solitaria Remi Cavagna (Deceuninck-Quick Step). Il transalpino ha guadagnato circa 3′ al massimo sul plotone che non ha lasciato troppo spazio. Il gruppo si è acceso in vista del traguardo volante: non c’è stata però la sfida tra i velocisti, ma gli attacchi di Benoit Cosnefroy (AG2R La Mondiale), Pierre Rolland (B&B Hotels-Vital Concept) e Luke Rowe (Ineos Grenadiers).

Ripreso il fuggitivo è stato un liberi tutti: scatti e controscatti dal plotone. A circa 30 chilometri dall’arrivo è andato via il tentativo giusto, con dodici uomini all’attacco: Luke Rowe (Ineos), Peter Sagan (Bora-Hansgrohe), Oliver Naesen (Ag2r La Mondiale), Sam Bennett e Dries Devenyns (Deceuninck-Quick Step), Jasper Stuyven (Trek-Segafredo), Greg van Avermaet e Matteo Trentin (CCC Team), Jack Bauer e Luka Mezgec (Mitchelton-Scott), Nikias Arndt e Soren Kragh Andersen (Team Sunweb). In un primo momento il plotone ha provato ad inseguire, salvo poi rialzarsi.

A 15 chilometri dall’arrivo a mettere tutti nel sacco ci ha pensato un super Soren Kragh Andersen: attacco a sorpresa da parte del danese che è riuscito ad andar via in solitaria, sfruttando anche un tratto di discesa. Il plotoncino alle sue spalle non è riuscito ad organizzarsi, lasciandogli subito una trentina di secondi. L’uomo della Sunweb è andato a trionfare in solitaria, mentre per la seconda piazza l’ha spuntata Luka Mezgec (Mitchelton-SCOTT) davanti a Jasper Stuyven (Trek-Segafredo). Decima piazza per Matteo Trentin (CCC). Il gruppo è giunto staccato di oltre 7′, senza nessuna preoccupazione.

gianluca.bruno@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

MotoGP, Fabio Quartararo sembra inavvicinabile nelle prove libere. Saprà confermarsi anche in gara?

Ordine d’arrivo Tour de France, risultato 19ma tappa: Soren Kragh Andersen si impone, Matteo Trentin 10°