Tirreno-Adriatico 2020: il livello dei velocisti non ha molto da invidiare a quelli del Tour de France



Il livello delle ruote veloci del Tour de France non è poi particolarmente superiore rispetto a quello degli sprinter presenti alla Tirreno-Adriatico. Al di là delle Alpi si sfidano negli arrivi a ranghi compatti Wout Van Aert, Caleb Ewan, Sam Bennett, Elia Viviani, Peter Sagan, Alexander Kristoff e Cees Bol. La gara nostrana, però, risponde Pascal Ackermann, il quale pare essersi finalmente ritrovato, Fernando Gaviria, Davide Ballerini, Michael Matthews, Alberto Dainese e Tim Merlier.

A livello di punte le due gare sono molto vicine. I fari delle volate della Corsa dei due Mari, Ackermann, Gaviria e Merlier, non hanno poi molto da invidiare alle tre migliori ruote veloci della Grande Boucle, vale a dire Van Aert, Ewan e Bennett. La vera differenza la fa la profondita dei due parchi sprinter. Le seconde linee presenti in Francia, infatti, sono più numerose e superiori anche per quanto concerne la qualità rispetto a quelle che stanno gareggiando in Italia.

Loading...
Loading...

C’è da dire, però, che la grossa discriminante è la mancata partecipazione alla Tirreno-Adriatico, per via del noto incidente, dei neerlandesi Fabio Jakobsen e Dylan Groenewegen. Ambedue, infatti, avevano in programma di prendere parte alla Corsa dei Due Mari e se fossero stati presenti, allora sarebbe stata proprio la gara nostrana a possedere la miglior batteria di ruote veloci.

luca.saugo@oasport.it

Twitter: @LucaSaugo

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Loading...

Lascia un commento

scroll to top