Tennis, la solita Camila Giorgi incostante saluta New York: troppi errori e una condizione fisica imperfetta



La speranza ha lasciato spazio all’amaro giudizio del campo: Camila Giorgi ko contro la n.9 del mondo Naomi Osaka e l’Arthur Ashe teatro di un match a senso unico. Non c’è stata storia, purtroppo, nel secondo turno degli US Open 2020 di tennis tra la giapponese e la marchigiana: troppa la differenza nel controllo dello scambio alle alte velocità. Naomi ha saputo gestire e gestirsi, visti i suoi problemi fisici, senza forzare più di tanto, ma appoggiandosi ai primi due/tre colpi potenti dell’italiana, per poi punirla con rotazioni enigmatiche per Camila.

Fin dal primo quindici l’impressione era che Giorgi fosse costretta ad andare oltre il proprio standard abituale per ottenere dei punti, per via dell’ottima difesa di Osaka, in versione “Djokovic” (fatte le debite proporzioni…). Ecco che in questo caso l’incostanza dell’azzurra e l’incapacità di variare il proprio piano tattico sono state le più grandi criticità del match per la nostra portacolori. La n.1 del Bel Paese ha cercato sempre e solo di prevalere con la velocità di palla, senza magari tentare dei colpi in top-spin che potessero quantomeno mettere in difficoltà la giapponese negli spostamenti laterali.

Loading...
Loading...

Al contrario è stata proprio Naomi a imporre delle variazioni sul tema, poco digerite da Camila. Il riscontro è stato dunque un confronto terminato dopo 71′ di gioco sul 6-1 6-2 con l’azzurra che ha collezionato 24 errori non forzati e 15 vincenti. Un dato che giustifica le sue grandi difficoltà. Una versione della marchigiana più incostante del solito anche per via di alcune noie fisiche di cui ha parlato in conferenza stampa, ma non tali da giustificare questa prova incolore. Certo, aspettarsi che potesse battere Osaka era ambizioso, ma lottare un po’ di più assolutamente sì. Ecco, questa idea di manifesta inferiorità è l’immagine negativa del confronto sull’Arthur Ashe.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DEL TENNIS

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Loading...

Lascia un commento

scroll to top