Show Player

Golf, US Open 2020: Renato Paratore, il merito di giocare il secondo Major in carriera



Un italiano ci sarà allo US Open 2020. Ma non è quello che tutti si aspettano. Francesco Molinari, infatti, non ha mai gareggiato dopo il lockdown, in considerazione di proprie vicende. Ecco che, così, tocca a Renato Paratore difendere i colori azzurri nel Major al via domani al Winged Foot Golf Club di New York, che torna a ospitare il torneo dopo 14 anni sul West Course.

Paratore si è qualificato tramite il particolare sistema creato dall’European Tour quest’anno. Dal momento che era impossibile mantenere le qualifiche vere e proprie, per ragioni organizzative, si è optato per dare ai primi 10 di una particolare classifica legata ai primi 5 tornei post-lockdown disputati sul tour europeo un invito per lo US Open. Il romano, classe ’96, si è subito imposto al Betfred British Masters, e si è poi mantenuto su una buona linea di costanza, mancando una sola volta il taglio nelle quattro gare restanti e costruendo, nelle altre occasioni, la sequenza 28°-34°-27° posto.

Loading...
Loading...

Si tratta della seconda volta per Paratore in un Major. La prima è arrivata proprio lo scorso anno, e proprio allo US Open, a Pebble Beach, uno dei più celebri e difficili percorsi del mondo. La sua esperienza si è conclusa con due giri in 74 e 75 colpi, in totale 7 sopra il par, con i quali è risultato impossibile superare il taglio, ma è normale per quasi tutti avere delle prime esperienze Major non propriamente semplici. Del resto, si tratta dell’andare a giocare con i migliori interpreti mondiali di questo sport.

Non sono state molte le recenti dichiarazioni rilasciate dal talentuoso romano, che però, tramite i propri social, ha mostrato alcune fasi del proprio avvicinamento a New York, dove adesso si sta allenando nei giri di pratica che precedono il torneo. Nei primi due giri, Paratore avrà come compagni di viaggio l’americano Richy Werenski e il canadese Taylor Pendrith. Domani gareggerà alle 18:10 italiane, venerdì alle 12:50, che sono le 6:50 di New York, risultando così il primo ad andare sul tee shot della buca 1. Con la speranza che questo gli porti bene.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL GOLF

federico.rossini@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Loading...

Lascia un commento

scroll to top