Giro d’Italia 2020 senza pubblico alla partenza e all’arrivo. Mauro Vegni su tamponi e positività: “Non mandiamo a casa nessuno”

Sabato 3 ottobre scatterà il Giro d’Italia 2020, rinviato di cinque mesi rispetto alle date originarie a causa dell’emergenza sanitaria. Sarà una Corsa Rosa diversa da quella a cui siamo abituati, non tanto per il percorso (tre cronometro e tante salite, da Monreale a Palermo), ma per le condizioni ambientali (farà decisamente più freddo rispetto a maggio, si teme la neve in quota) e per quanto riguarda la presenza del pubblico. Non ci saranno i tifosi in partenza e all’arrivo, ma in strada le persone potranno tranquillamente applaudire i propri beniamini, come ha ribadito il direttore di corsa Mauro Vegni a Tuttobiciweb: “Purtroppo quest’anno dovremo rinunciare al pubblico alla partenza e all’arrivo. I tifosi saranno sulle strade e, come abbiamo potuto vedere a Imola, sono stati un esempio per tutti. Hanno seguito le corse in modo composto, facendo il tifo, ma senza invadere le strade e con le mascherine sul viso, rispettando il distanziamento sociale“.

Le squadre verranno sottoposte ai tamponi per verificare l’eventuale positività a Covid-19, ma Vegni ha voluto chiarire che non verranno escluse le formazioni in caso di due positività all’interno dello stesso team, come invece sarebbe successo al Tour de France: “Noi non mandiamo a casa nessuno, l’ho già detto e lo ripeto. Se un autista o un massaggiatore dovessero essere positivi, verranno isolati. Due persone non sono una quantità per me sufficiente. Non è giusto rovinare l’intero lavoro di una squadra, che ha investito per correre un Grande Giro. Noi non allontaniamo l’atleta, ma lo isoliamo e facciamo i tamponi a tutta la squadra per 3-4 giorni consecutivi per vedere che nessuno abbia problemi. Mandare a casa l’atleta o la squadra in caso di due positività, in un anno particolare come questo, lo trovo veramente ingiusto. Blocchiamo l’atleta“.

E sul rischio maltempo che potrebbe condizionare i tapponi di montagna: “Non credo che il problema saranno la pioggia o la neve, ma eventualmente la temperatura. La pioggia da sola non crea disagi, ma una pioggia con 11 gradi sì, perché l’atleta avrebbe una percezione di zero gradi. La neve la gestisci, ma la temperatura ci preoccupa“.

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Giro d'Italia 2020 Mauro Vegni

ultimo aggiornamento: 30-09-2020


Lascia un commento

Giro d’Italia 2020, il confronto con i partecipanti del Tour de France. Pogacar e Roglic a parte, la Corsa Rosa non è inferiore…

Basket, Eurolega 2020-2021: il regolamento e cosa succede a parità di punti tra due o più squadre