Bretagne Classic 2020: i favoriti. Vanmarcke vuole il bis, si candidano Matthews, Naesen e Gaviria

Domani, martedì 25 agosto, si disputerà la Bretagne Classic 2020, posta a cavallo tra i Campionati Nazionali e il Tour de France e nel bel mezzo degli Europei. Tra l’altro, il luogo di riferimento sarà lo stesso della massima rassegna continentale: Plouay, piccolo comune nel Nord-Ovest della Francia diventato in questi giorni il centro del ciclismo internazionale. Andiamo a scoprire i favoriti per la corsa di domani.

L’edizione numero 84 del Bretagne Classic si snoderà lungo un percorso di 248.7 chilometri che presenta 3500 metri di dislivello complessivo. Un tracciato che si presta bene agli attacchi, ma che alla fine potrebbe sorridere a quei velocisti che riusciranno a tenere duro durante le salite e presentarsi sul traguardo in testa al gruppo. L’anno scorso vinse Sep Vanmarcke: il belga della EF Pro Cycling sarà al via della corsa con la stessa ambizione del 2019 e tenterà di piazzare il bis. Il sodalizio statunitense sarà uno dei collettivi più forti in gara, dato che, oltre al campione in carica, potrà contare anche su Alberto Bettiol (secondo nel 2016).


Un altro team che si presenta ai nastri di partenza con l’intenzione di vincere è la UAE Emirates. L’ex Lampre può spendere carte importanti su tutti i fronti: spiccano il colombiano Fernando Gaviria, uno dei migliori velocisti al mondo, e il portoghese Rui Costa, ex campione del mondo e secondo nel 2012. Nel novero dei favoriti rientra sicuramente anche Michael Matthews (Team Sunweb): l’australiano, terzo alla Milano-Sanremo dove si è anche infortunato alla mano, non parteciperà ad altre gare in questo periodo e ha un buon feeling con questa corsa (quarto nel 2016 e nel 2018, quinto nel 2017). Impossibile non citare anche Oliver Naesen (AG2R La Mondiale): il belga ha già vinto due edizioni (2016 e 2018) e punta al tris.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

antonio.lucia@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Shutterstock.com

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tour de France 2020, Primoz Roglic: “Non sono ancora sicuro di poter partecipare”

NBA, i Philadelphia 76ers prossimi al divorzio con coach Brett Brown