Pagelle Inter-Brescia 6-0, voti Serie A: Sanchez Maravilla. Moses inarrestabile

Partita senza storia. L’Inter ha letteralmente dominato per novanta minuti vincendo con un tennistico 6-0 contro il Brescia. I ragazzi di Conte hanno avuto gioco facile contro una squadra molle e senza convinzione. Per i nerazzurri un successo rigenerante. Notte fonda per la squadra di Lopez. Di seguito le pagelle della partita.

PAGELLE INTER-BRESCIA 6-0

INTER

Handanovic 6,5 Match senza particolari sussulti, anche per i grossi limiti mostrati dall’attacco del Brescia. Donnarumma lo grazia dopo soli 3 minuti sparando altissimo da pochi passi. Nella ripresa si fa trovare pronto su un buon tiro di Torregrossa.

D’Ambrosio 6,5 Attento in copertura, guidato dai compagni di reparto si fa trovare sempre pronto, non lascia spazio agli attaccanti avversari. Si fa valere in attacco con il colpo di testa del 3-0.

De Vrij 6 Da un suo cattivo posizionamento nasce l’unica grande occasione per il Brescia, complice anche un passaggio errato di Young. Per il resto è attento e guida al meglio la linea difensiva. Dal 46′ Ranocchia 6,5 Attento e concentrato prende subito in mano le redini della difesa. Deve vedersela con un combattivo Torregrossa ma tiene alla grande.

Bastoni 6,5 Applicazione e disciplina in fase difensiva. Attento a coprire anche nelle marcature preventive, sempre presente per i compagni di reparto. Quando c’è da spingere non si tira mai indietro.

Moses 7,5 E’ una vera spina nel fianco, l’opzione preferita dai centrocampisti nerazzurri. Le sue folate offensive sono praticamente inarrestabili per la difesa bresciana. E’ determinante nelle azioni dei primi due gol. Sfiora la marcatura personale con un tiro a giro che esce fuori di pochissimo. Dal 67′ Candreva 6,5 Entra e prova subito a far male con un grandissimo tiro dalla distanza che colpisce in pieno la traversa. Con le sue scorribande sulla destra mette in crisi la difesa del Brescia. Ad impreziosire una prestazione di alto livello il bolide del 6-0.

Barella 6,5  La gamba è quella dei giorni migliori. Accompagna gli attaccanti e fa da schermo davanti alla difesa, prestazione di ottimo livello. E’ il vero leader della mediana nerazzurra. Dal 59′ Agoumé 6 Prestazione ordinata. Sempre concreto non cerca giocate sensazionali ma fa tutto bene con calma da veterano.

Borja Valero 6 Partita non scintillante ma di grande utilità. Sempre vicino ai compagni e pronto a ricevere lo scarico, inventa un assist per Martinez che tira out da ottima posizione. Spreca da posizione comodissima di testa.

Gagliardini 6,5 Gara di buona qualità e con tanta quantità. Sfrutta alla grande la punizione di Sanchez e il sorriso dopo il gol sa tanto di liberazione dopo l’erroraccio contro il Sassuolo. Dal 68′ Eriksen 6,5 Il voto è legato principalmente al gol ed al triangolo che porta alla segnatura di Candreva.

Young 7 Sale e scende senza sosta sulla sinistra. Sfrutta come meglio non si può il fantastico assist di Sanchez trovando un destro al volo che si spegne nell’angolino basso. Ad impreziosire la sua prestazione un bellissimo assist per il gol della sicurezza di D’Ambrosio.

Sanchez 7,5 L’assist per Young è una gemma preziosa. Dalla destra vede solo il compagno di squadra e gli serve un pallone fantastico. Ogni qual volta punta l’area avversaria sembra poter creare qualche pericolo. Il gol è il giusto premio per una super prestazione. Sfiora il raddoppio direttamente da calcio d’angolo e ogni qual volta accelera mette in grave imbarazzo la difesa del Brescia. Senza ombra di dubbio il cileno è stato il migliore in campo.

Martinez 6 Si vede che ha gran voglia di fare ma non riesce a sfruttare le occasioni da gol. Ci ha provato un paio di volte di testa senza particolare precisione. In pieno recupero nel primo tempo si fa trovare pronto a pochi passi dalla porta ma tira sul portiere. Ad inizio ripresa si gira in un fazzoletto e tira di poco alto. Dal 68′ Lukaku 6,5 Entra e combatte, determinante sul gol di Eriksen. Lavora in maniera fantastica spalle alla porta e tira un buon diagonale che il portiere avversario non trattiene, per il danese è un gioco da ragazzi mettere dentro.

BRESCIA

Joronen 5 Cerca di tenere a galla i suoi. Sui gol non ha grandissime colpe tranne che sul 5-0, quando non trattiene il diagonale di Lukaku. Si fa notare per un recupero in extremis su un calcio d’angolo beffardo di Sanchez e per una grande uscita su Martinez.

Sabelli 5 Prova a chiudere in diagonale sulla prima azione da gol, recupera su Lautaro Martinez ma perde completamente Young anche se la colpa non è sua. Nelle rare sortite offensive è troppo impreciso.

Papetti 5 Match di grande sofferenza, prova a limitare i danni per quel che può. Quando Sanchez e Martinez scambiano in maniera ravvicinata finisce per perdere l’orientamento.

Mateju 4 Sul primo gol rimane a metà strada tra Moses e Sanchez, sul secondo perde l’esterno dell’Inter e lo stende in area, un inizio di match da incubo.

Semprini 5 Soffre tremendamente le avanzate dell’Inter sulla sua fascia di competenza. Spaesato, non riesce ad arginare le offensive di Moses.

Skrabb 5 Si applica molto ma le difficoltà sono evidenti. La gamba non basta ed in fase di proposizione è quasi completamente assente. Dal 46′ Bjarnason 5 Entra per dare un po’ di passo al Brescia ma finisce per farsi condizionare dall’andamento del match.

Tonali 5,5 Sfrutta benissimo l’errore in uscita della difesa dell’Inter e regala un vero e proprio cioccolatino a Donnarumma che spreca. Un prova fatta di grande grinta, anche perché spesso è costretto ad inseguire gli avversari.

Dessena 5,5 Solita prestazione di grande esperienza e saggezza tattica. Prova a contrastare la supremazia in mediana dei nerazzurri. Dall’ 82′ Ghezzi s.v.

Zmrhal 4,5 Da lui ci si attende che provi ad accendere la luce. Troppo evanescente, sempre fuori dal gioco, incide troppo poco nel gioco del Brescia. Dal 59′ Spalek 5,5 Prova a dare un po’ di qualità ma nonostante impegno e abnegazione non ci riesce.

Ayé 4,5 Il Brescia riesce a creare molto poco, se poi lui sbaglia anche appoggi elementari la situazione si complica ulteriormente. Si fa sorprendere in maniera molto ingenua da Gagliardini in occasione del quarto gol dei nerazzurri.

Donnarumma 5 Incredibile il suo errore al 3′, quando viene servito alla perfezione da Tonali ma da pochi passi spara altissimo. Un vero e proprio regalo alla difesa nerazzurra. Dal 46′ Torregrossa 6,5 E’ l’unico che ci crede veramente. Lotta come un leone in mezzo ai difensori avversari, ci prova in un paio d’occasioni ma trova Handanovic attento. Il suo mancino a giro sfiora il palo.

salvatore.serio@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pallanuoto, Giacomo Casasola saluta la Sport Management e passa alla Roma Nuoto

Calcio, Serie A 2020: goleada dell’Inter al malcapitato Brescia, pari tra Bologna e Cagliari