NASCAR Truck Series, Matt Crafton respinge Christian Eckes e vince in Kansas

Matt Crafton (ThorSport Racing) respinge gli attacchi dell’esordiente Christian Eckes (Kyle Busch Motorsport) e vince in Kansas la seconda prova del doubleheader per i protagonisti della NASCAR Truck Series. Per il due volte campione della categoria si tratta della prima affermazione del 2020, un risultato che lo inserisce di diritto nei Playoffs di fine anno.

La competizione si è aperta sotto il controllo di Zane Smith. L’alfiere del GMS Racing ha siglato la prima frazione di gara davanti a Brett Moffitt (Hattori Racing Enterprises) e Crafton. Smith non ha mollato la leadership ed è riuscito a ripetersi nella Stage 2, vinta su Crafton, questa volta secondo, e Moffitt, terzo. Il terzetto sembrava destinato a contendersi il successo, ma così non è stato.

Matt Crafton ha preso il largo durante la Final Stage prima dell’arrivo di Christian Eckes. Il numero 18 del Kyle Busch Motorsport, esordiente nella serie, ha recuperato lo svantaggio sul portacolori del ThorSport Racing ed ha cercato di superarlo. Gli ultimi sei giri sono stati incandescenti con Eckes che ha provato in tutti i modi a beffare il rivale, una missione non riuscita. Terzo posto finale per Grant Enfinger (ThorSport) davanti a Tanner Gray (DGR-Crosley) ed a Ben Rhodes (ThorSport).

[sc name=”banner-app-2020″]

Pausa per la NASCAR Truck Series, che dopo il doppio impegno in Kansas si sposterà in Michigan tra due settimane.

CLASSIFICA NASCAR TRUCK SERIES IN MICHIGAN (RACE 2)

  1. Matt Crafton (Ford)
  2. Christian Eckes (Toyota)
  3. Grant Enfinger (Ford)
  4. Tanner Gray (Ford)
  5. Ben Rhodes (Ford)

[sc name=”banner-article”]

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE SUL MOTOMONDIALE

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Moto3, warm-up GP Andalucia 2020: Darryn Binder guida la classifica

Ciclismo, Fabio Aru: “Siamo tutti impazienti di poter attaccare nuovamente il numero di gara sulla schiena”