Show Player

MotoGP, GP Andalusia 2020: Marc Marquez e un coraggio poco gradito? Honda e lo spagnolo poco responsabili



Più coraggio o irresponsabilità? Qualcuno questa domanda l’ha posta in merito al tentativo di recupero lampo di Marc Marquez. Lo spagnolo, caduto rovinosamente nel corso della prima gara del Mondiale 2020 di MotoGP a Jerez de la Frontera (Spagna), ha voluto provare a tornare in sella alla Honda nel secondo fine settimana in Andalusia nonostante l’omero del suo braccio destro fosse andato in pezzi, come dimostrato dalle dodici viti e dalla placca poste nell’intervento chirurgico che si era reso necessario.

Non se lo sarebbe mai perdonato e così Marc ha scelto la carta dell’all-in, come è solito fare quando gareggia. Stavolta il suo fisico gli ha suggerito di dire basta e di spegnere i bollenti spiriti: meglio fermarsi e recuperare in vista dell’appuntamento di Brno (Repubblica Ceca) previsto dal 7 al 9 agosto. Tanti hanno apprezzato la sua grande voglia, il suo spirito combattivo e si sono espressi in termini estremamente positivi nei suoi confronti. La parola “eroismo”, in questo discorso, non è mancata.

Loading...
Loading...

Tuttavia, qualche critica è arrivata anche da parte di chi fa parte del Circus delle due-ruote. Paolo Campinoti, boss del Team Ducati Pramac, non ha usato troppi giri di parole: “Sorpreso? Molto. Non siamo nell’antica Roma col gladiatore che deve morire al Colosseo, è cosa di duemila anni fa. La sicurezza è uno dei principi che guida la nostra civiltà e in questi anni nelle competizioni è diventata uno degli aspetti prioritari. Invece parliamo di una persona che due giorni fa era sotto anestesia generale per un’operazione seria e adesso mette a rischio la vita sua e quella degli altri. La cosa che mi ha sorpreso di più, e in negativo, è il comportamento della Honda, che ha permesso e si presta a questa cosa. Fa campagne sulla sicurezza auto e moto in tutto il mondo. Se succede qualcosa si prenderà le proprie responsabilità“, le parole del manager (fonte: La Gazzetta dello Sport).


Certo, Marc non è stato il primo e non sarà l’ultimo e se si riavvolge il nastro si può pensare all’incidente di Jorge Lorenzo nel 2013 ad Assen (Olanda) e al suo ritorno in gara, 48 ore dopo un’operazione alla clavicola fratturata. Campinoti, da questo punto di vista, ha definito anche quel caso da non imitare proprio per il messaggio che i piloti devono dare in termini di sicurezza. Pertanto, l’agire di Honda e dei medici è stato poco responsabile per aver assecondato Marquez? Le opinioni sono diverse e il tema fa discutere.

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL MOTOMONDIALE

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Loading...

Lascia un commento

scroll to top