Fausto Coppi e Gino Bartali, chi ha dato la borraccia all’altro? Nella leggendaria fotografia spunta un terzo uomo!

Fausto Coppi ha dato la borraccia a Gino Bartali oppure è stato Gino Bartali a consegnarla a Fausto Coppi? Una domanda che attanaglia gli appassionati di ciclismo ogni volta che osservano la fotografia più iconica della storia di questo sport. Lo scatto risale al 6 luglio 1952, i due ciclisti stanno scalando il leggendario Telegraphe durante il Tour de France poi vinto dal Campionissimo. Coppi è mezza ruota avanti al suo eterno rivale, il suo braccio destro è voltato all’indietro e in mano tiene una borraccia. Bartali è appena dietro di lui e con la mano destra tiene l’altra estremità della borraccia. Il tempismo del fotografo fu incredibile e quell’immagine entrò immediatamente nell’immaginario collettivo, restandoci per sempre.

Anche i due protagonisti di quella foto hanno contribuito ad alimentare il mito e a dare un alone di mistero a quel gesto. Oggi, però, spunta un particolare: in quella foto c’è anche un terzo uomo! Non lo abbiamo mai visto in 68 anni ma un negativo lo ha “riportato in vita”: sulla sinistra del Campionissimo stava pedalando il belga Stan Ockers, secondo in classifica generale al termine di quella Grande Boucle e poi iridato a Frascati nel 1955.

Marino Vigna, oro olimpico nell’inseguimento su pista a Roma 1960, ha ereditato dal padre un vastissimo archivio fotografico e ha ricostruito la vicenda alla Gazzetta dello Sport: “La solitudine è frutto di una scelta di stampa: in alcune delle versioni diffuse l’ombra del belga è visibile, in moltissime cancellata per non distrarre l’attenzione da Fausto e Gino. Credo che il negativo originale sia stato fin da subito editato dall’agenzia per concentrarsi su Coppi e Bartali e che la copia “integrale” sia stata data a mio padre senza preoccuparsi troppo di tagliarla: non a caso è tra le poche immagini che posseggo a non avere il timbro dell’agenzia sul retro”.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
fausto coppi Gino Bartali Stan Ockers

ultimo aggiornamento: 10-07-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Short Track, Lara van Ruijven non ce l’ha fatta: è morta a 27 anni. Il dolore di Suzanne Shulting

Basket: Fortitudo Bologna, c’è il botto Ethan Happ. Reggio Emilia pesca Brandon Taylor, Coronica rinnova con Trieste