Basket, Christian Pavani: “Giusto non ripartire, ma le tempistiche della chiusura non mi sono piaciute”

La Fortitudo Bologna è stata una delle autentiche protagoniste del mercato cestistico in Italia. Il sodalizio del capoluogo dell’Emilia-Romagna ha messo sotto contratto atleti del calibro di Adrian Banks, Ethan Happ e Leonardo Totè. Oltretutto, hanno affidato la squadra a Meo Sacchetti, il CT della nazionale. Del mercato del suo team ha parlato il presidente della Fortitudo, Christian Pavani, ai microfoni di Radio International: “Abbiamo speso gli stessi soldi dell’anno scorso, ma credo che li abbiamo spesi meglio. Abbiamo deciso di puntare sui giovani, poiché non possiamo rifare da capo l’organico ogni anno. Io, come tutti i tifosi, peraltro, ho bisogno di potermi affezionare a un cestista. Le bandiere, a mio avviso, sono necessarie per riportare la gente al palazzetto quando si potrà tornare a giocare col pubblico. Ad ogni modo, la campagna acquisti non è ancora chiusa. Abbiamo bisogno di squadra lunga poiché nella prossima stagione prenderemo parte anche alla Basketball Champions League. Dopo la Supercoppa decideremo se intervenire ancora sul mercato. Dobbiamo anche testare il livello di “cazzimma” dei giovani che vogliamo lanciare“.

Non solo di mercato, però, ha parlato Pavani a Radio International. Anzi, il presidente della Fortitudo ha toccato mille argomenti, a partire dall’interruzione del campionato e dalla decisione di non ripartire
: “C’erano società che volevano chiudere tutto subito per risparmiare. Noi e la Virtus, invece, volevamo analizzare bene la situazione. Alla fine penso che si sia presa la decisione corretta, ma non spettava alla Lega indicare la via, ma alla FIP“. In seguito, inoltre, Pavani ha rilasciato delle dichiarazioni anche sulla ripresa della stagione: “La nostra posizione è chiara: vogliamo ripartire con il pubblico. Altrimenti faremo di tutto per non giocare“.

luca.saugo@oasport.it

Twitter: @LucaSaugo

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Credit: Ciamillo

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

F1, Mercedes: obiettivo vincere tutte le gare del Mondiale

Ciclismo, Movistar al via della Strade Bianche con una maglia solidale. I proventi alla Croce Rossa e alla Protezione Civile