Scherma, i migliori azzurri della classe 2004: Carlotta Fusetti guida il ranking nazionale Allieve. Attenzione a Biasco, Perini, Cantini e tanti altri

Siamo giunti alla terza puntata della nostra mini-rassegna sui giovani più interessanti da scoprire per il futuro della scherma italiana, tra fioretto, sciabola e spada. Dopo le annate 2002 e 2003, è tempo di dedicarci al 2004. Sempre tenendo presente il fattore chiave, e cioè che primeggiare quando si è cadetti o junior, soprattutto tra i maschi, ma ultimamente persino al femminile, a livello internazionale o italiano, non è garanzia assoluta di successo tra i senior. Anzi.

Istruzioni per l’uso: citeremo solo alcuni nomi, in base soprattutto ai ranking stagionali, impossibile farlo con tutti. Oggi tocca alla classe 2004.

Nel fioretto fari puntati su Karen Biasco, attualmente sesta nel ranking nazionale di categoria, tesserata per un Circolo leggendario come Fides Livorno, già campionessa italiana giovanissimi nel 2016 e seconda lo scorso 20 gennaio 2020 nella seconda prova del circuito nazionale Cadetti, a Roma; con lei meritano una citazione Di Russo e Bertini; a livello maschile, sempre nel fioretto, menzione d’onore per Mattia Raimondi e Gregorio Isolani, rispettivamente terzo e quarto del ranking.

Nella spada citiamo la portacolori dell’Accademia Scherma Marchesa Torino, Vera Perini (foto), terza nel 2018 al Gran Premio Giovanissimi “Trofeo Renzo Nostini”, e Vittoria Siletti, della Pietro Micca, quarte e quinte nel ranking nazionale cadette, a oggi; tra i maschi Nicolò Del Contrasto, addirittura terzo in classifica fino a febbraio 2020.

Dulcis in fundo la sciabola e qui Carlotta Fusetti, Petrarca Padova, campionessa italiana di categoria allieve nel maggio 2018, è addirittura in testa al ranking nazionale, con Stefanello e Spica in terza e quarta posizione per gli atleti della classe 2004. Niente male! Chiudiamo con Edoardo Cantini, che nel 2018, e nello stesso giorno di Carlotta Fusetti, si è laureato campione italiano cadetti nella categoria nazionale.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI SCHERMA

gianmario.bonzi@gmail.com

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Bizzi

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basket, Virtus Bologna alla finestra: può iscriversi all’Eurolega? Tutti gli scenari e i sogni della squadra italiana

Sci alpino, Mauro Caviezel si è rotto il tendine d’Achille. Lo svizzero rischia di saltare la stagione