Biathlon, parte la stagione dell’Italia: Dorothea Wierer e compagni in raduno in Val Martello dal 7 giugno

Si avvicina l’estate e riparte la stagione del biathlon. La Nazionale Italiana si appresta a riprendere gli allenamenti in vista delle prime gare che andranno in scena a fine novembre. Il direttore tecnico Fabrizio Curtaz ha convocato dieci atleti per uno raduno in Val Martello (in provincia di Bolzano) in programma da domenica 7 giugno a sabato 13 giugno.

Presentissima Dorothea Wierer, vincitrice delle ultime due Coppe del Mondo e di due ori ai Mondiali di Anterselva 2020, che sarà affiancata dagli altri senatori ovvero Lisa Vittozzi, Dominik Windisch e Lukas Hofer. Tanta curiosità anche sui vari giovani ovvero Patrick Braunhofer, Daniele Cappellari, Didier Bionaz, Tommaso Giacomel, Michela Carrara e Irene Lardschneider.

La prossima stagione inizierà sabato 28 novembre e si concluderà domenica 21 marzo, si disputeranno undici tappe di Coppa del Mondo tra cui quella di Pokljuka, sede dei Mondiali dal 10 al 21 febbraio.

 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI BIATHLON

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Atletica, Saiwa Eid Naser sospesa: ha saltato 3 controlli anti-doping. La Campionessa del Mondo dei 400 rischia la squalifica

Biathlon, Mirco Romanin: “Bionaz e Giacomel devono avere il profilo basso. Con gli juniores si lavora sulla formazione”