Rugby, il Pro14 potrebbe riprendere a luglio. Tutte gli scenari di un’ipotesi alquanto ottimistica

Quando ripartirà il Guinness Pro 14, il campionato transnazionale di rugby cui partecipano la Benetton Treviso e le Zebre? E il campionato celtico ripartirà, o si chiuderà qui? Si svolgerà regolarmente da dove è stato interrotto o, come ipotizzato nelle scorse settimane, si passerà direttamente ai playoff o, addirittura, alla finale secca? Domande al momento senza risposte certe, anche se il Board del Pro 14 ha tutta l’intenzione di portare a termine il torneo.

Il Ceo del torneo, Martin Anayi, nei giorni scorsi è stato chiaro, la volontà è quella di concludere ciò che si è iniziato quando l’emergenza Covid-19 e la situazione sanitaria in Europa lo permetteranno. Come detto, però, le ipotesi sul tavolo sono diverse, da una versione ridotta da disputare nell’arco di una settimana (semifinali e finale?) fino alla conclusione naturale del Torneo sull’arco di circa tre mesi.

Ma come? La prima questione da risolvere è quella della gestione sanitaria del torneo. Quando, e se, si potrà tornare ad allenarsi serviranno almeno 4/6 settimane di “raduno” prima di iniziare a giocare match ufficiali. Questo per garantire la sicurezza dei giocatori – fermi ormai da quasi due mesi – e permettere alle squadre di tornare in campo nella miglior forma possibile. La seconda questione è quella degli spostamenti internazionali. Con la crisi Covid-19 che ha colpito in maniera diversa e con tempistiche diverse i vari Paesi europei è probabile che un’apertura delle frontiere avvenga con tempi dilatati e non in maniera omogenea.

Per questo il board del Guinness Pro 14 sta valutando una rivoluzione del calendario. Nelle prime settimane di riapertura si potrebbero, infatti, prevedere dei derby (in modo tale da evitare spostamenti in Paesi diversi), magari a porte chiuse per salvaguardare la sicurezza dei territori coinvolti. Secondo Anayi due turni di derby sarebbero fattibili. Dopo di che si passerebbe direttamente ai playoff, con il primo turno di qualificazione, poi semifinali e finale.

Il tutto, secondo la volontà di Anayi, da disputare tra luglio e inizio settembre, cioè prima che riparta la nuova stagione. Una roadmap che, però, deve tenere conto di diversi fattori. In primis, bisogna aspettare la decisione ufficiale di World Rugby sui test match estivi. L’annullamento dei tour di luglio garantirebbe lo spazio per disputare il campionato celtico, mentre se le nazionali fossero impegnate il calendario si complicherebbe. Allo stesso tempo c’è da valutare la scelta di Epcr riguardo le coppe europee. Si devono disputare ancora quarti di finale, semifinali e finale e il rischio è che i calendari si sovrappongano.

Martin Anayi non esclude la possibilità di turni infrasettimanali, con cinque formazioni che sono ancora impegnate nelle coppe europee, ma come detto tutto resta nel mondo delle ipotesi. Anche perché va considerato che alcune squadre, tra cui Benetton e Zebre, devono anche recuperare un match rispetto agli avversari e dunque vanno valutati anche questi match per non falsare eccessivamente il torneo. Inoltre, riducendo solo a due turni la fine della stagione regolare, la corsa ai playoff è in gran parte già scritta. Leinster, Ulster (che deve recuperare un match), Edimburgo e Munster sarebbero quasi sicuramente qualificate, mentre la corsa agli ultimi due posti sarebbe circoscritta nella conference A a Glasgow Warriors e Cheetahs, mentre nella conference B a Scarlets, Connacht ed eventualmente Treviso se vincesse il recupero (si porterebbe a -3/-4 dal terzo posto.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI RUGBY

duccio.fumero@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Ettore Griffoni – LPS

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Benetton Treviso Coronavirus Guinness Pro 14 Zebre Rugby

ultimo aggiornamento: 21-04-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo, squadre in crisi: sei World Tour tagliano gli stipendi, 3 in cassa integrazione. Tutte le cifre e gli scenari

Giro d’Italia virtuale 2020, startlist seconda tappa: domani Astana in rosa con Fraile, Italia con Sonny Colbrelli e Aleotti