Freccia Vallone 1950: l’assolo irresistibile e la vittoria in solitaria di Fausto Coppi

Il Campionissimo Fausto Coppi era un atleta che di rado vinceva in modo banale. Nelle Classiche come nelle frazioni dei Grandi Giri, il novese era solito mietere successi con quegli attacchi a lunga gittata che gli hanno permesso di entrare nel mito. D’altronde, non essendo lui in possesso di un grande spunto veloce, nelle gare in linea, in particolar modo, era chiamato a staccare tutti se voleva tagliare il traguardo a braccia alzate. Tra le tante imprese degne di nota del piemontese, c’è anche quella fatta alla Freccia Vallone del 1950, manifestazione nella quale, tutt’oggi, detiene il record come il corridore ad aver trionfato con il maggior distacco sul secondo.

L’Airone arriva alla Freccia Vallone del ’50 reduce dal terzo posto dell’anno prima. Sulle strade di quella classica delle Ardenne che al tempo, probabilmente, era anche più sentita della Liegi-Bastogne-Liegi, si era dovuto arrendere in volata a una delle sue storiche nemesi: il fiammingo Rik Van Steenbergen. Per potersi prendere la rivincita, Coppi aveva preparato la primavera della prima stagione nel nuovo decennio in maniera certosina. Tre settimane prima della gara che si snoda tra le viuzze della Vallonia, oltretutto, si era aggiudicato la Parigi-Roubaix.

La Freccia Vallone 1950 prende il via il 1° maggio da Charleroi. L’Airone si muove a Spa, a 85 chilometri dall’arrivo, nella quarta delle otte cotes in programma. Il suo allungo è irresistibile. Nessuno riesce a contenerlo. Al traguardo manca ancora molto, ma grazie alle sue eccelse doti sul passo, il Campionissimo, dopo lo scollinamento, continua a guadagnare sugli inseguitori. In breve tempo diventa irraggiungibile per tutti. Coppi completa la prova in 6h24’40”, il secondo, il grande classicomane belga Raymond Impanis, arriverà a 5’05” dal novese.

luca.saugo@oasport.it

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

Twitter: @LucaSaugo

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
fausto coppi Freccia Vallone 1950

ultimo aggiornamento: 24-04-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Golf, sfida leggendaria per beneficenza: Woods e Mickelson sfidano Manning e Brady

Giro d’Italia virtuale 2020, domani la terza tappa: la startlist. C’è Domenico Pozzovivo con l’Italia! Sanchez in rosa, spazio a Colbrelli