Sport italiano, il Coni ferma tutte le competizioni fino al 3 aprile. Ora il decreto del Governo

Lo sport italiano si ferma completamente fino al 3 aprile. Il Coni e le principali Federazioni si sono infatti ritrovate a Roma per una riunione straordinaria durata quasi tre ore. Alla fine la decisione si è rivelata unanime: “Sospese tutte le attività sportive ad ogni livello sul territorio nazionale“. Il Presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha però chiesto al Governo un decreto legge che possa superare quello attuale a livello di validità. Inoltre ha già informato dell’esito della riunione il Ministro dello sport, Vincenzo Spadafora, ed il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.

La decisione riguarda solo le competizioni entro i confini dello Stivale, dunque sono esclusi gli eventi internazionali. E’ proprio il Coni a precisarlo: “Le competizioni a carattere internazionale, sia per i club sia per le nazionali, non rientrano nella disponibilità giurisdizionale del Comitato Olimpico Nazionale Italiano e che quindi non possono essere regolate dalle decisioni odierne“.

Considerando il grave stato di emergenza del Paese, il Presidente del CONI, Giovanni Malagò, ha indetto una riunione straordinaria in Sala Giunta con le Federazioni degli Sport Professionistici (Calcio, Pallacanestro, Golf e Ciclismo) e degli Sport di Squadra (Baseball, Softball, Handball, Pallanuoto, Pallavolo, Rugby, Hochey Ghiaccio, Hockey Prato, Hockey a Rotelle, Football Americano, Cricket e Palla Tamburello). All’incontro sono state invitate anche le due Federazioni di servizi (Medici Sportivi e Cronometristi). I Presidenti impossibilitati a presenziare di persona si sono collegati via Skype.

Lo sport italiano, dunque, si ferma almeno fino al 3 aprile. La stragrande maggioranza dei Campionati andranno dunque verso una inevitabile cancellazione, con tanto di scudetti non assegnati. Inevitabile nell’epoca più drammatica per l’Italia e per il mondo dalla Seconda Guerra Mondiale.

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse Fabio Ferrari

 

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Coni Giovanni Malagò

ultimo aggiornamento: 09-03-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo, i corridori dell’Astana non vengono pagati da 2 mesi. La conferma di Vinokourov

Basket, Champions League 2020: Sassari obbligata a vincere in casa del Burgos