Sci alpino, la magica cavalcata di Federica Brignone nella Coppa del Mondo 2019-2020. Varcate le porte della storia

Brignone fa rima con Albertone“, recitava uno striscione a La Thuile. E in effetti le stagioni 1994-1995 e 2019-2020 qualcosa in comune ce l’hanno, non fosse altro per la conquista della Coppa del Mondo generale da parte di due italiani, con Finali previste nel nostro Paese e ovviamente disputate solo a Bormio, 25 anni fa mentre quest’anno il grande appuntamento con Cortina 2020 è saltato causa Pandemia da Covid-19.

Si è già detto e scritto tanto sull’annata magica di Federica, un’annata che prima o poi ci aspettavamo da parte della valdostana e che ha portato in dote diversi record e tre coppe del mondo, tra cui la prima generale per una sciatrice italiana. La stagione era partita con il quinto posto a Sölden, un risultato che sicuramente non aveva soddisfatto l’atleta valdostana che era già salita due volte sul podio nell’opening stagionale, vincendo anche nel 2015. A Killington Brignone è stata superata solo da Marta Bassino, mentre purtroppo è saltata in slalom quando viaggiava su ritmi clamorosi, da 5° posto finale. In Canada la trasferta americana si è chiusa con l’ottimo settimo posto in superG, miglior risultato a Lake Louise in carriera, dopo aver saltato le discese.

La prima grande svolta, dopo la “beffa” di St. Moritz (superG lasciato per un centesimo a Sofia Goggia) è arrivata a Courchevel, dove mai Federica era salita sul podio: vittoria in rimonta in gigante e combinata poi annullata a Val d’Isère, senza Shiffrin e con buone possibilità di imporsi ancora. Il primo momento difficile a Lienz, dopo un gigante che l’ha lasciata al quarto posto su una pista amatissima e dove aveva trionfato nel 2017. Un pizzico di delusone lavata via dal buon piazzamento in slalom il giorno dopo.

Poi gennaio, il mese dedicato in primis alla velocità: un mese che lancia Federica verso traguardi insperati, con il successo in combinata ad Altenmarkt-Zauchensee, la vittoria in gigante al Sestriere proprio dove era uscita 4 anni prima e i podi in libera a Bansko, accompagnati purtroppo dal ko forse più bruciante, quell’uscita in superG in Bulgaria a poche porte dal traguardo quando viaggiava verso la vittoria.

A febbraio le ciliegine sulla torta: ecco il grande successo a Sochi, a cancellare le lacrime di 6 anni prima dopo l’uscita nel gigante olimpico, per giunta dopo un errore grave, su una pista facile per le sue caratteristiche e di poco davanti a Sofia Goggia; e poi il ‘classico’ trionfo nella ‘sua’ Crans Montana, prima atleta a imporsi in 4 combinate consecutive nella stessa località. Ma forse Fede ricorderà con grande gioia il secondo posto in discesa a Garmisch-Partenkirchen, su una pista classica per la libera e non un supergigantone come Bansko.

Quindi La Thuile, altro urlo strozzato in gola per un centesimo, sempre in superG, la Coppa di specialità sfumata di un niente, e poi Åre, dieci giorni di grandi allenamenti già in piena emergenza Coronavirus. Fino a quella telefonata di Gianluca Rulfi che annunciava “la Guerra è finita, hai vinto”…

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI SCI ALPINO

gianmario.bonzi@gmail.com

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Pentaphoto.

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Coppa del Mondo Coppa del Mondo sci Federica Brignone Sci Sci alpino

ultimo aggiornamento: 30-03-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Roland Fischnaller, snowboard: “La cura del corpo il segreto della mia longevità. Sogno Milano-Cortina 2026”

Ciclismo, Lappartient: “Stiamo cercando la soluzione migliore per ripartire. Grandi giri e classiche hanno la precedenza”