Show Player

Parigi-Nizza 2020, pagelle quinta tappa: Bonifazio semplicemente perfetto! La Deceuninck-Quick Step non si sblocca



Nonostante il periodo tristissimo che è costretto a subire il nostro Bel Paese, ci pensano i nostri corridori a regalarci qualche bella soddisfazione oltralpe. Dopo Giacomo Nizzolo, quest’oggi è stato Niccolò Bonifazio a donarci un’altra bella gioia conquistando, in maniera netta, la quinta tappa della Parigi-Nizza 2020. Nella frazione più lunga della Corsa del Sole, con partenza da Gannat e arrivo a La Côte-Saint-André, di ben 227 km, l‘Italia gioisce nuovamente con uno sprint spettacolare del ligure della Total Direct Energie, dominatore assoluto della frazione odierna. Di seguito vi proponiamo il pagellone della quinta frazione con i voti ai protagonisti e ai mancati tali.

PAGELLE QUINTA TAPPA PARIGI-NIZZA 2020

Niccolò Bonifazio, 10 e lode: l’Italia esulta per la seconda volta in questa edizione della Parigi-Nizza, e vive un attimo di gioia, di gloria e spensieratezza grazie al ligure, che strabilia sul traguardo della quinta tappa, con una volata letteralmente dominata e vinta con netto vantaggio su tutti quanti. Il portacolori della Direct Energie aveva messo nel mirino la Milano-Sanremo, il Coronavirus non gliel’ha consentito, così è riuscito a vendicarsi e a portarsi a casa una vittoria netta, che ha zittito gli avversari.

Loading...
Loading...

Ivan Garcia Cortina e Peter Sagan, 8: confermano per l’ennesima volta la loro condizione ottimale, avvicinandosi prepotentemente alla vittoria, sfumata davvero per poco. L’ex campione del mondo ha cercato di prendere in mano le redini di Ackermann dopo il suo ritiro, e ha convinto; tenendo conto anche del fatto che ha protetto per tutto il giorno il leader Maximilian Schachmann. Mentre Cortina ha stupito nuovamente in volata, tentando di prendersi la seconda vittoria dopo la beffa del compagno di squadra Jan Tratnik.

Jan Tratnik, 9: un vero e proprio guerriero. Sfortunato ma comunque da applausi dopo aver passato tutta la tappa all’attacco, ossia per più di 220 chilometri in avanscoperta, prima con altri tre fuggitivi, e poi tutto solo nel finale. Non è riuscito nell’impresa per una questione di 25 metri, ma dobbiamo tutti inchinarci dinnanzi alla determinazione dello sloveno. Meraviglioso.

Andrea Pasqualon, Elia Viviani, Giacomo Nizzolo, 7: hanno fatto di tutto per difendere l’orgoglio azzurro, e alla fine ci ha pensato Bonifazio. Si sono comunque comportati molto bene. Gli italiani sono sempre presenti, e questa volta sono uniti più che mai.

Mads Pedersen, 6: ha cercato di inserirsi nella fuga odierna, non ce l’ha fatta, nel finale ha lavorato duramente in favore della sua Trek-Segafredo, e finalmente si è vista la sua maglia iridata. Pian piano il giovane danese sta uscendo allo scoperto, ma manca ancora il colpo secco.

Deceuninck-Quick Step, 4: la soluzione migliore sarebbe stata quella di inserire un componente nella fuga, vista la tappa disegnata sulle caratteristiche dei portacolori del Wolfpack; e invece no. Hanno cercato il colpaccio nel finale imponendo un forcing bestiale, che alla fine non ha portato a nulla di buono. La corazzata belga non riesce proprio a sbloccarsi. Arriverà il tanto atteso riscatto?

Alberto Bettiol, 3: quella di oggi poteva essere la tappa giusta per il toscano della EF Pro Cycling, e invece niente, un’altra giornata da dimenticare. La sua Parigi-Nizza 2020 non riesce a regalargli nulla di buono. Era uno degli uomini più attesi per i colori azzurri (oltre a Vincenzo Nibali ovviamente) in questa edizione della breve corsa a tappe francese, e finora è mancato.

Caleb Ewan, S.V.: ennesima giornata no per l’australiano, che nella fase decisiva, dopo un duro lavoro della sua Lotto Soudal, viene colpito dalla sfortuna ed è costretto ad alzare bandiera bianca dopo un salto di catena. Nulla da fare per lui, e oramai le chance di riscatto si affievoliscono sempre di più.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

lisa.guadagnini@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: comunicato stampa Total Direct Energie

Loading...

Lascia un commento

scroll to top