Vela: Italia opaca nella prima giornata dei Mondiali 49er 2020, comandano Gran Bretagna e Germania

Ci si poteva aspettare un inizio diverso da parte della Nazionale italiana impegnata nei Campionati del Mondo 2020 di 49er e 49erFX a Geelong, in Australia. Le cinque imbarcazioni azzurre complessivamente iscritte alla manifestazione (due al maschile, tre al femminile) hanno fatto molta fatica ad emergere nelle prime regate di qualificazione disputate (tre per ogni flotta) concludendo così nelle retrovie la prima vera giornata di gara della rassegna iridata.

Tra gli uomini comanda la classifica generale la Gran Bretagna con Dylan Fletcher-Scott e Stuart Bithell (1-1-2) a quota 4 punti davanti all’Austria di Bildstein-Hussl con 5 e ai padroni di casa neozelandesi Burling-Tuke con 7. La nuova coppia italiana formata da Simone Ferrarese e Leonardo Chistè (con quest’ultimo chiamato a sostituire in extremis l’infortunato Valerio Galati) ha terminato la giornata in 40ma posizione raccogliendo un 15°, un 6° ed un 17° posto di manche nella flotta rossa, mentre quella più collaudata composta da Uberto Crivelli Visconti e Gianmarco Togni si è dovuta accontentare di un pessimo 51° posto con un parziale di 21-21-9 sempre nella flotta rossa.

In campo femminile i tre giovani equipaggi azzurri non hanno brillato perdendo subito terreno prezioso in classifica dopo la prima giornata effettiva di gara. La coppia composta da Margherita Porro e Sveva Carraro è stata la migliore della squadra tricolore con un 22° posto complessivo maturato con un parziale di 19-8-7 nella flotta gialla, la stessa in cui hanno gareggiato anche Carlotta Omari e Matilda Distefano, 27me con un 9°, un 19° ed un 12° posto. Rendimento ancora peggiore nella flotta blu per Alexandra Stalder e Silvia Speri, relegate in 32ma piazza assoluta (su 44 barche in gara) con uno score di 18-20-5. In testa alla classifica troviamo la Germania con Tina Lutz e Lotta Wiemers (5 punti) davanti alle australiane Lloyd-Ryan (10) e alle spagnole Echegoyen-Barcelò (10).

erik.nicolaysen@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: zixia/shutterstock

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sci alpino, Federica Brignone e il sogno Coppa del Mondo generale. Serve un miracolo, ma l’azzurra vive un anno di grazia

Speed skating, Mondiali 2020: le speranze di medaglia dell’Italia. Francesca Lollobrigida ci prova nella mass start